Dormire poco può mettere di cattivo umore
Dormire poco può mettere di cattivo umore
La privazione delle ore di sonno causa problemi di varia natura e gravità. Ma lasciando da parte le questioni più complesse, c'è un fatto che riguarda moltissime persone, tra cui forse anche chi sta leggendo: dormire poche ore rende spesso lunatici. Una ricerca della University of Arizona ha tentato di spiegarne il motivo trovando la risposta in quella parte del cervello chiamata sostanza bianca.

Per capire in che modo un individuo assonnato diventa anche scontroso, il team guidato dal ricercatore Sahil Bajaj ha concentrato la propria attenzione su tre reti neurali presenti nel nostro cervello. Si tratta della rete deputata al controllo esecutivo (acronimo inglese: ECN), che elabora gli stimoli esterni; la rete della modalità default (DMN), responsabile dei processi cognitivi indipendenti dagli stimoli esterni; e la rete della salienza (SN), che permette di focalizzare l'attenzione su uno stimolo interno o esterno. Secondo studi precedenti le alterazioni di questo network (detto anche modello a tripla rete) sarebbero alla base di svariati disturbi neuropsichiatrici.

Andando sul pratico gli scienziati hanno eseguito una scansione sul cervello di 45 volontari, utilizzando la risonanza magnetica tomografica e un'altra tecnica specifica chiamata imaging del tensore di diffusione (DTI). A distanza di giorni, l'indagine è stata ripetuta per l'arco di un'intera notte, durante la quale i partecipanti sono stati tenuti svegli e interrogati ogni ora sullo stato del loro umore.

L'analisi delle reti neurali ha così messo in luce che a rimanere più positive erano le persone che presentavano una maggiore compattezza della sostanza bianca, ossia le fibre che uniscono l'encefalo e il midollo spinale.

"Abbiamo scoperto che, in caso di privazione del sonno, la coesione della sostanza bianca è associata a un minore degrado dell'umore", spiega Bajaj. Dalle informazioni raccolte emerge al contrario che "le caratteristiche della materia grigia [quella che nel cervello forma la corteccia cerebrale, ndr] non sembrano avere un ruolo". Detto in altre parole, i soggetti in cui i fasci di fibre nervose della sostanza bianca perdono compattezza hanno più probabilità di diventare 'lunatici' quando non riescono a chiudere occhio.

I ricercatori sottolineano tuttavia che l'analisi strutturale del modello a tripla rete fornisce un quadro parziale e che occorreranno altri approfondimenti per identificare un chiaro rapporto di causa-effetto con le variazioni dell'umore.