Dopo un periodo sedentario le articolazioni perdono elasticità, muscoli e tendini si rilassano, si perde la percezione dell’equilibrio dei pesi e dei movimenti del corpo. Occorre fare i conti con la lassità dei legamenti che si instaura, complice l’età e una sosta prolungata... sul divano di casa. A spiegarlo è Francesco Benazzo, ortopedico di fama internazionale dell’Ospedale Poliambulanza di Brescia, presidente del consorzio Corsa per la riabilitazione degli atleti Partendo da queste premesse il professor Benazzo invita alla gradualità nella ripresa dell’attività fisica. Le temperature estive, unite all’euforia della ripresa comportanno un rischio infortuni. I parchi ad esempio, con i loro percorsi vita dedicati offrono occasioni per muoversi a contatto con la natura ma possono nascondere insidie per l’assenza di un coach o per situazioni che espongono al rischio di traumi osteoarticolari, lussazioni, strappi muscolari. Le persone meno allenate sottovalutano i pericoli. Da qui l’invito alla prudenza.