Fabrizio Matassi, 39 anni, specialista in Ortopedia e traumatologia, punto di riferimento al Cto di Firenze. E’ un "cervello" che è voluto rimanere e attingere dall’Europa nuove conoscenze. Perfezionatosi in Belgio, ha avuto esperienze nei principali centri di traumatologia dello sport di Francia, Austria, Spagna, Portogallo, Svizzera e

Slovenia. Ha voluto fare il chirurgo ortopededico proprio da ragazzo quando il suo sogno sportivo si è interrotto. "Fin da piccolo sognavo di diventare un giocatore di pallavolo - ricorda - All’età di 17 anni ho subito un grave infortunio al ginocchio che mi ha costretto ad interrompere l’attività sportiva. Inconsciamente tutto ciò ha segnato l’inizio della mia carriera professionale ed ha mosso in me un desiderio di conoscenza verso le patologie dello sport del ginocchio che altrimenti non avrei avuto". Così proprio lui ’vittima’ di un trauma dello sport si immedesima con più facilità con i suoi pazienti: "Capisco perfettamente cosa significa vedere interrotta la propria attività sportiva e provo grande empatia verso i miei pazienti tanto da condividere con loro la sofferenza e la gioia del ritorno allo sport".