Foto: bennymarty / iStock
Foto: bennymarty / iStock

Ormai, dopo più di 6 mesi di emergenza sanitaria, dovremmo averlo capito: le mascherine sono molto importanti per proteggere, noi stessi e gli altri, dalle goccioline di secrezioni respiratorie (meglio conosciute come droplet) potenzialmente infette. Ma quanto può essere decisivo questo dispositivo di protezione individuale per limitare la diffusione del nuovo Coronavirus? Per rendere l’idea, due studenti polacchi hanno inventato un calcolatore che crea una stima del numero di infezioni altrui che ognuno di noi può prevenire grazie all’utilizzo di una mascherina.

L’idea di due studenti polacchi

Dominik Czernia, dottorando in fisica presso l’Istituto di Fisica Nucleare di Cracovia, e Joanna Michalowska, studente dell’Università di Scienze Mediche di Poznan, hanno creato un vero e proprio calcolatore gratuito, disponibile sulla piattaforma Omni Calculator, basato su un archivio di oltre 1.290 dati e variabili estrapolati da studi accademici sul Coronavirus.
Il loro obiettivo era quello di quantificare l’importanza dell’utilizzo della mascherina, qualsiasi essa sia. Per capire quante infezioni si possono prevenire (o causare), è sufficiente inserire sulla piattaforma una serie di variabili: il fatto di indossare o meno una mascherina, l’indice R0 (numero medio di infezioni secondarie prodotte da ciascun individuo infetto) della propria regione, il tipo di mascherina indossato e la percentuale di persone che attorno a noi mette la mascherina in modo corretto (chiaramente qui bisogna fare un’ipotesi).

Quante infezioni possiamo prevenire grazie all’uso di una mascherina

Facendo una prova, ecco quali sono i risultati. Con una mascherina chirurgica, un indice R0 di 1,18 (si tratta della media nazionale, secondo l’ISS, al 4 settembre) e il 70% di persone che attorno a noi indossano una mascherina in modo corretto, in due settimane possiamo proteggere fino a quattro soggetti dall’infezione. Un numero che sembra basso, ma che in realtà (considerando l’alto tasso di contagiosità del virus) è significativo: ognuno di noi può fare la differenza. Senza mascherina e nelle stesse condizioni, invece, potremmo contagiare quattro persone. E se l’indice R0 dovesse alzarsi, ognuno di noi potrebbe arrivare a prevenire fino a 20 infezioni altrui.

Quali sono le mascherine più efficaci

Grazie a questo calcolatore, inoltre, è possibile capire le differenze tra le varie mascherine in termini di protezione: quelle di cotone, ad esempio, sono il 20% più efficaci rispetto a quelle di flanella o seta. Le mascherine più filtranti, invece, sono le FFP2 (o KN95) senza valvola. Ovviamente si tratta di stime che non possono essere totalmente fedeli alla realtà. Questo sistema (non approvato dalla comunità scientifica), però, può farci rendere conto di quanto sia abissale la differenza tra l’indossare e il non indossare questi dispositivi, che rimangono uno dei pochi modi che abbiamo per proteggere noi e gli altri dal Covid-19.