Colpo di calore: rimedi e precauzioni in caso di insolazione

Ventilazione e indumenti leggeri per favorire la traspirazione

21/06/2022
insolazione

Un colpo di calore è un inconveniente che può capitare a chiunque. In caso di insolazione, quando l’esposizione è stata eccessiva, i sintomi sono l’aumento della temperatura, la sensazione di debolezza e confusione, vertigini, tremori, arrossamento cutaneo, nausea. Nell’emergenza, e in attesa del medico, far distendere la persona sofferente a terra, portandola in un luogo fresco e ventilato, sistemandola con le gambe lievemente sollevate. È possibile tentare di abbassare la temperatura corporea utilizzando impacchi freddi (pezze bagnate con acqua in mancanza d’altro) su fronte, ascelle e inguine. Se la persona è cosciente, far bere dell’acqua a piccoli sorsi.

 

Precauzioni

Ci sono regole ineliminabili nell’abbigliamento nel periodo estivo,  il colore da preferire nella scelta dei vestiti è quello chiaro, serve a ridurre l’assorbimento di raggi solari. Aggiungiamo che l’abbigliamento d’estate ha da essere leggero e poco ingombrante, utilizzando tessuti (microfibra, gore-tex, pile) che schivano l’umidità proveniente dal sudore e ne favoriscono la traspirazione, in quanto il sudore inumidisce i vestiti e provoca, evaporando, un rapido raffreddamento, disperdendo fino al 40% dell’intero calore corporeo (normalmente la temperatura corporea si mantiene intorno ai 36°C, con variazioni giornaliere di circa 1°C).

 

Abbigliamento

Una regola ulteriore è quella secondo cui bisogna sentirsi un tutt’uno con gli indumenti che si indossano, a cominciare dai pantaloncini che devono essere aderenti per facilitare il movimento delle gambe. Anche la maglietta, che nel periodo primaverile era in cotone, dovrebbe essere sostituita in estate da una canottiera, da cambiare subito dopo aver terminato la corsa. In caso di vento o pioggia utile una giacca dotata di aperture posteriori.

 

Traspirazione

Le calzature devono essere con tacco largo alte circa 2 cm e con punta tonda, rinforzo rigido in sede plantare e una suola flessibile in corrispondenza delle articolazioni metatarsofalangee. La tomaia con sufficiente altezza e ampiezza per adattarsi a tutte le dita. Lo sportivo dovrebbe usare almeno due tipi di calzature per allenarsi sui diversi tipi di terreno, ricordando che non esiste calzatura perfetta, ma quella che calza meglio al singolo. Con la disponibilità recente di schiume e resine poliuretaniche, è possibile trovare calzature resistenti, protettive e relativamente leggere.

 

Protezioni

Utili cappello con visiera e occhiali da sole in caso di illuminazione intensa. Testare ogni indumento nuovo prima di utilizzarlo stabilmente in maniera da non trovarsi a sorprese in corso di attività.