Un farmaco contro l'allergia alle arachidi

Roma, 4 febbraio 2020 - In questi giorni la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha approvato un farmaco per curare l'allergia alle arachidi nei giovani e giovanissimi. Il prodotto, chiamato Palforzia, funziona nei soggetti di età compresa dai 4 ai 17 anni ed è in grado di mitigare le reazioni allergiche causate dalle noccioline, che nei casi più gravi sono potenzialmente letali.

Allergia alle arachidi: i sintomi 

L'allergia alle arachidi è una delle più comuni allergie alimentari tra gli adolescenti e i giovani adulti. Si manifesta attraverso vari sintomi, che vanno da un semplice naso che cola ai crampi allo stomaco, fino a reazioni via via più complesse come gonfiore, svenimento e choc anafilattico. A differenza di altre allergie che possono regredire con il passare degli anni, quella alle arachidi ha inoltre carattere permanete, quindi non si può sperare che sparisca da sola.

Che cos'è questo farmaco 

Si tratta di una polvere che contiene piccoli quantità di proteine provenienti dalle arachidi, che "istruiscono" il sistema immunitario a tollerare in parte questo tipo di alimento. Il composto può essere assunto miscelandolo con un cibo semisolido, come ad esempio lo yogurt, aumentando il dosaggio con il passare del tempo, per un totale di circa sei mesi.

Nel lungo iter che ha preceduto l'approvazione del farmaco, uno studio su 500 bambini ha dimostrato che due terzi dei pazienti sottoposti a profilassi erano in grado di mangiare l'equivalente di due arachidi senza il rischio di anafilassi.

Fino a oggi l'unica terapia realmente efficace consisteva nell'escludere del tutto la frutta secca dalla propria dieta. Il farmaco non cambia la sostanza delle cose: è stato infatti pensato come misura aggiuntiva in caso di contatto accidentale con le arachidi, la cui ingestione rimane comunque da evitare. "Anche con una dieta rigorosa, si possono verificare esposizioni involontarie", ha spiegato la FDA.