{{IMG_SX}}Chicago (Usa), 9 ottobre 2007 - Arriva dagli Stati Uniti la nuova pillola per l'emicrania che dovrebbe anche aiutare gli alcolisti a combattere la propria dipendenza, senza ricorrere al ricovero in cliniche specializzate. "Gli effetti positivi sembrano essere superiori a quelli registrati con altri farmaci", ha dichiarato Mark Willenbring, medico del National Institute on Alcohol Abuse.


Con 350 dollari al mese, oltre al costo della visita medica, tanto costa un ciclo di Topamax, anche chi ha forme di dipendenza acuta sembra avere riportato buoni risultati. Sono stati tuttavia registrati effetti collaterali quali difficoltà di concentrazione, formicolio, sonnolenza e vertigini.

 

Lo studio pubblicato sul Journal of the American Medical Association si è basato sull'osservazione di un campione di 371 alcolisti sotto l'effetto del farmaco per un periodo di 14 settimane. Circa la metà hanno assunto il Topomax in dosi in aumento graduale, gli altri hanno invece assunto pillole placebo.

Durante l'esperimento, tutti i volontari sono stati incoraggiati, ma non obbligati a smettere di bere. Si è osservato che all'inizio il consumo medio era di 11 alcolici al giorno, pari circa a due confezioni da sei di birra o due bottiglie di vino o una pinta di un liquore forte. Al termine dell'esperimento 27 delle 183 persone che avevano assunto il Topomax hanno smesso di bere completamente per oltre sette settimane. Mentre nel gruppo di alcolisti che aveva assunto pillole placebo, 6 su 188 hanno smesso di bere.

 

Lo studio non ha tuttavia seguito i pazienti per lungo termine, quindi non si è in grado di sapere quanti di loro abbiano avuto una ricaduta in seguito all'interruzione dell'assunzione del medicinale.