Un intervento dei carabinieri
Un intervento dei carabinieri

Roma, 1 ottobre 2021 – Entra in un bar ubriaco, molesta i clienti e poi muore “atterrato” con un pugno dal figlio del titolare del locale. È accaduto all'alba in un bar-kebab su via Tiburtina a Roma. Da una primissima ricostruzione della polizia, sembra che l’ubriaco, un 58enne, stesse molestando alcuni clienti.

Pretendeva che il barista gli servisse altri alcolici, ormai al limite della lucidità era ormai diventato una minaccia per le altre persone presenti nel bar. A quel punto il figlio del proprietario, un 18enne, è intervenuto colpendolo con un pugno. Centrato con un pugno, l’uomo è caduto a terra. Trasportato in ospedale, è morto poco dopo. La polizia ha fermato il 18enne che è stato arrestato per omicidio preterintenzionaleRoma, ubriaco e con divieto di avvicinamento va dalla ex: arrestato

Le indagini

È stato arrestato per l'accusa di omicidio preterintenzionale il 18enne, italiano di origini egiziane, che questa notte ha colpito con un pugno, uccidendolo, un uomo di 58 anni a Roma all'interno di un kebab nella zona di San Lorenzo. Il pm di turno, Mario Palazzi, ha disposto per il 18enne gli arresti domiciliari. Ancora da chiarire la dinamica di quanto avvenuto. In base ad una prima ricostruzione l'arrestato, figlio del proprietario del bar kebab, sarebbe intervenuto colpendo l'avventore che stava dando fastidio agli altri clienti. Le indagini sono affidate agli agenti del commissariato di zona.