Lunedì 15 Luglio 2024

Spari a Tor Bella Monaca: ucciso un uomo di 38 anni, nell’agguato gambizzata anche la compagna

La vittima è stato avvicinato da un uomo in scooter che gli ha sparato all’uscita di un bar poco prima di salire sulla sua auto dove l’attendeva la compagna. Testimone: “Il killer cercava proprio loro”. Verifiche su un sospetto

La polizia a Tor Bella Monaca

La polizia a Tor Bella Monaca

Roma, 14 settembre 2023 – Spari in strada a Tor Bella Monaca nel pomeriggio. Un uomo di 38 anni con precedenti penali, Daniele Di Giacomo, è stato ucciso verso le 17 in via Quaglia dopo essere stato raggiunto da colpi d'arma da fuoco. Almeno un proiettile ha colpito anche la compagna di 26 anni che era insieme a lui e che è rimasta ferita a un ginocchio. Sono intervenuti i sanitari del 118 che hanno eseguito le manovre di rianimazione sull’uomo ma senza riuscire a salvargli la vita, mentre la donna è stata portata al policlinico di Roma Tor Vergata. Sul posto gli agenti della Squadra Mobile e i poliziotti della Scientifica per i rilievi. Anche se non vengono escluse altre ipotesi, gli inquirenti stanno seguendo la pista passionale: sono in corso verifiche su un sospetto indicato da testimoni.

Approfondisci:

Tor Bella Monaca, aggressione contro le donne che ripuliscono il quartiere: ferita una volontaria. Don Coluccia: “Atto grave di una mentalità da Gomorra”

Tor Bella Monaca, aggressione contro le donne che ripuliscono il quartiere: ferita una volontaria. Don Coluccia: “Atto grave di una mentalità da Gomorra”

Cosa è accaduto

Secondo una prima ricostruzione la dinamica della sparatoria fa pensare a un agguato organizzato per colpire l’uomo. La coppia infatti era a bordo di un Suv quando si è fermata al bar tabacchi al civico 168 di via Ferdinando Quaglia, in zona Casilino: l’uomo, un italiano di 38 anni, è sceso per comprare qualcosa e all’uscita dal bar, a pochi passi dalla macchina, è stato avvicinato da un uomo in sella a uno scooter. L’attentatore ha iniziato a sparare diversi colpi, almeno 6, che hanno raggiunto l’uomo e lo sportello sul lato guida del Suv prima di fuggire.

Testimone: cercavano anche la ragazza

"Ho visto un uomo sparare contro quell'auto, sei colpi in sequenza, e poi fuggire. Aveva la barba", ha raccontato un testimone dell'agguato mortale. "Ero in strada con i miei figli, la gente urlava. Sono stati attimi di terrore. Ma ho capito che cercavano proprio le persone in quell'auto: hanno colpito anche la donna che è stata gambizzata io ho cercato di proteggere i miei figli. Qui viviamo così".