Sabato 13 Luglio 2024

Terrorismo, arrestato a Fiumicino combattente dell'Isis: è tagiko con diverse false identità, una dell'Ucraina

É Ilkhomi Sayrakhmonzoda di 32 anni, stessa nazionalità degli attentatori di Mosca, si è arruolato nel 2014 in Siria ed è arrivato stamattina in Italia con un volo dall’Olanda

Roma, 8 aprile 2024 – Latitante da anni come terrorista dell’Isis, colpito da un mandato internazionale anche per aver combattuto in Siria, è arrivato questa mattina in Italia, all’aeroporto di Fiumicino. Si tratta di un membro attivo dell’Isis di nazionalità tagika, la stessa dei quattro arrestati in Russia subito dopo l’attentato al Crocus di Mosca, e tra le diverse false identità con cui si muoveva ne aveva anche una dell’Ucraina. Ha 32 anni, si chiama Ilkhomi Sayrakhmonzoda, la sua vera nazionalità è quella del Tagikistan e stamattina è stato arrestato in aeroporto dalla Digos e condotto alla Questura di Roma.

L’arresto della polizia

Sull’uomo classe 1992 pende un mandato di arresto internazionale a fini di estradizione "per essersi arruolato nelle fila dello stato islamico ed essere andato in Siria a combattere nel 2014. Lo stesso risulta essere un membro attivo dell'Isis”. Il cittadino tagiko, latitante e caratterizzato da numerosi alias con nazionalità e date di nascita diverse, e in particolare c’è quella dell’Ucraina oltre che degli stati di Uzbekistan e Kirghizistan e Ukraina, è atterrato dopo essere atterrato a Fiumicino con un volo proveniente da Eindhoven, in Olanda, alle 11.45. 

Lo scenario internazionale

L'operazione di oggi che ha portato all’arresto del terrorista tagiko, svolta dalla Digos capitolina con il coordinamento della Direzione centrale della polizia di prevenzione e il contributo della polizia di frontiera di Fiumicino, si inquadra – si legge in una nota diffusa dalla Questura di Roma – in un più ampio scenario di attività preventive a largo raggio poste in essere dalla Polizia di Stato e dalla Digos di Roma in particolare, anche in considerazione della estrema delicatezza dell'attuale scenario internazionale.

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui