1 apr 2022

Tenta di uccidere una 16enne conosciuta in chat, arrestato a Roma il pugile 32enne

Ivan Rossi, pugile amatoriale sordomuto, avrebbe prima cercato di avere un rapporto sessuale con la ragazza minorenne, di fronte al rifiuto avrebbe tentato di ucciderla. A dare l'allarme i genitori della vittima

featured image
Violenza sulle donne

Roma, 1 aprile 2022 – È stato arrestato per tentato omicidio e resistenza a pubblico ufficiale il 32enne Ivan Rossi, il pugile amatoriale sordomuto accusato di avere aggredito violentemente una ragazza di 16 anni. Sotto l’effetto dell’alcol, l’uomo avrebbe prima cercato di avere un rapporto sessuale con la minorenne e poi, dopo essere stato respinto, avrebbe cercato di ucciderla. A dare l’allarme alle forze dell’ordine sono stati i genitori della ragazza, spaventati da una telefonata della figlia in cerca di aiuto per sfuggire all’aggressore.

È successo nella stanza di un albergo di Civitavecchia. Con la sedicenne, conosciuta in chat, Rossi si frequentava da circa due settimane – nonostante la ragazza fosse minorenne – e aveva deciso di passare con lei il weekend. Nel corso della serata l'uomo avrebbe assunto alcolici e, dopo essere rientrati in albergo, il pugile ha cercato di avere un rapporto sessuale con la giovane che però lo ha respinto. Ne è nato un litigio, il 32enne ha aggredito la minorenne, che è fuggita sul terrazzo ed è fortunatamente riuscita a chiamare i suoi genitori per chiedere aiuto. I due, che si trovavano a Roma, si sono immediatamente messi in viaggio per Civitavecchia.

Approfondisci:

Parma, abusi e lesioni su due tirocinanti di un centro estetico: arrestato

La madre della ragazza ha allertato però il 112. Una pattuglia dei carabinieri, che era in zona per i controlli antimovida, ha raggiunto la struttura ricettiva. I militari hanno sentito le grida della ragazza che si trovava sul terrazzo ed era aggrappata alla ringhiera. A quel punto l'uomo si è allontanato e la giovane è riuscita ad aprire ai carabinieri che dopo una colluttazione, utilizzando anche lo spray al peperoncino, sono riusciti a bloccare l'aggressore.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?