I fratellini David e Daniel Fusinato uccisi ad Ardea e il dolore dei genitori (Ansa)
I fratellini David e Daniel Fusinato uccisi ad Ardea e il dolore dei genitori (Ansa)

Roma - 15 giugno 2021 - Sono stati raggiunti da un solo colpo di pistola ciascuno Daniel e David Fusinato, i due bambini uccisi domenica mattina ad Ardea, in provincia di Roma, colpiti a caso da un killer mentre si trovavano a 30 metri da casa. È quanto emerge dai primi risultati delle autopsie svolte ieri presso l'istituto di medicina legale di Tor Vergata. L'esame autoptico ha confermato che il più grande dei due bambini, Daniel, di dieci anni, è stato colpito al petto, il più piccolo, David, di appena cinque anni, alla gola. I genitori, avvertiti i colpi di pistola, erano corsi fuori e hanno assistito all'agonia dei due bambini, che i soccorritori non sono riusciti a strappare alla morte.  I funerali dei fratellini dovrebbero avere luogo ad Ostia, dove i bambini frequentavano la scuola, tra domani e venerdì.

Per la terza vittima uccisa da Andrea Pignani, il 74enne Salvatore Raineri, l'autopsia conferma la morte per un colpo di pistola alla testa.

Domani l'autopsia del killer

Giovedi verrà svolta l'autopsia sul corpo del killer Andrea Pignani, 34 anni, che quella mattina ha incontrato per caso le tre vittime: i due bambini che si stavano recando al parco e l'anziano che passava in bicicletta. Barricatosi in casa, l'uomo, con problemi psichici, si è poi tolto la vitima, sparandosi con la stessa arma.