Nicola Zingaretti
Nicola Zingaretti

Roma, 1° maggio 2021 – Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha scelto di festeggiare il Primo Maggio al fianco di una specifica categoria di lavoratori, quella impegnata nella campagna vaccinale contro il Covid-19. Zingaretti oggi ha infatti visitato il centro vaccini dell’ospedale Spallanzani di Roma.

“Buon Primo Maggio dal centro vaccini dello Spallanzani, dove sono stato per dire grazie ai lavoratori, ai volontari, a tutte le forze impegnate nella campagna vaccinale. Così possiamo riaprire alla vita, al lavoro, a un futuro migliore”, ha commentato in un video pubblicato sulla sua pagina Facebook.

Zingaretti: “Per farcela bisogna vaccinare e rispettare le regole”

Poi ha aggiunto: “Da qui lanciamo un messaggio: ce la faremo, e per farcela bisogna vaccinare, mantenere e rispettare le regole, e sicuramente aiutare economicamente chi non ce la fa o rischia di non farcela. C'è un modo per uscire dal Covid, ma il modo è questo: vaccinare, seguire le regole e aiutare chi non ce la fa”.

“E con questo messaggio di speranza davvero oggi auguro buona festa del lavoro a tutti – ha concluso il governatore del Lazio –. Se l'Italia si rimette in piedi crescerà di nuovo la produzione, deve crescere in maniera diversa per tornare a creare lavoro e per ottenere questo risultato grazie ancora a chi anche oggi primo maggio non si ferma nella campagna di vaccinazione”.

Vaccino, il Lazio verso le due milioni di somministrazioni

La visita di Zingaretti arriva nel giorno in cui la Regione Lazio sfiora la quota delle due milioni di somministrazioni di vaccini anti-Covid. Ad annunciarlo l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato: “Andiamo verso la quota delle due milioni di somministrazioni e abbiamo la migliore performance su ciclo completo di vaccinazioni (ovvero con doppia dose, ndr) con il 92% su over 80, 26% su over 70 e 16% su over 60, il dato sull'intera popolazione con la doppia dose è al 13%”.

“La campagna vaccinale del Lazio è un modello 'maratona'. Ieri record di somministrazioni con oltre 43mila vaccini in un solo giorno e la complessa macchina vaccinale non si è fermata nemmeno oggi, primo maggio”, ha proseguito l’assessore, oggi in visita presso l'hub della Nuvola, dove ha incontrato anche gli operatori del call center “per ringraziarli del grande lavoro che stanno svolgendo per il contrasto della pandemia”.

Covid, D’Amato: “Roma a quota 500 casi”

Infine, per quanto riguarda l’andamento dell’epidemia nella regione, l’assessore D’Amato ha fatto sapere che “oggi su oltre 17mila tamponi nel Lazio (-170) e oltre 26mila antigenici, per un totale di oltre 43mila test, si registrano 1.069 casi positivi (-82), 13 decessi (-13) e 2.457 guariti”.

Diminuiscono dunque i contagi, i decessi, i ricoveri e le terapie intensive. “Il rapporto tra positivi e tamponi è a 6%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale è al 2% – ha aggiunto D’Amato –. I casi a Roma città sono a quota 500”.