Roma, San Basilio si rifà il look: pronto progetto "sostenibile"
Roma, San Basilio si rifà il look: pronto progetto "sostenibile"

Roma, 15 Giugno 2021 - Il quartiere San Basilio nel Municipio IV, a Roma, presto cambierà volto. La promessa è quella di renderlo accessibile e sostenibile, attraverso un processo di rigenerazione urbana, il cui presupposto principale è il recupero del patrimonio edilizio e urbanistico esistente. L'area interessata ha un’estensione di circa 65 ettari e le sfide maggiori riguarderanno soprattutto l’adeguamento degli attuali standard abitativi, l’efficienza energetica, la biodiversità, la riforestazione e l’agricoltura urbana.

I lavori

In particolare l’obiettivo è realizzare una “città parco” con un nuovo spazio di connessione immaginato come una “piazza diffusa”, una zona centrale che si colloca nel sistema già presente di strade e viali, con un parco agricolo e orti urbani.

Inoltre saranno costruite 30 isole (strade dove non si possono superare i 30Km l'ora), che definiranno l'area commerciale della zona con bar, laboratori, negozi, e una parte dedicata ai servizi di quartiere, tra cui il mercato all’aperto in diretta connessione con il sistema degli orti urbani.

Ma non finisce qui, perché del programma di rigenerazione urbana, nel suo complesso, se ne parlerà ancora insieme alla cittadinanza attraverso un’assemblea pubblica il 24 giugno, per poi continuare con infopoint, laboratori, incontri tematici e questionari.

Periferie al centro

“La nostra idea di città è quella di riqualificare i quartieri esistenti ristabilendo la loro connessione con il resto della città, a partire dalle periferie - ha dichiarato la sindaca Virginia Raggi -: con questo programma torniamo ancora una volta a San Basilio, dopo diverse iniziative già avviate, e lo facciamo disegnando il suo futuro a partire dal recupero del patrimonio edilizio e dal miglioramento dello spazio pubblico. È un percorso che faremo insieme ai cittadini”.

"Programma realizzabile per fasi"

"Questo progetto guarda alla riqualificazione della città esistente, rispondendo alle esigenze che ha chi vive il territorio - ha sottolineato l’assessore all’Urbanistica, Luca Montuori -. Partiamo dal recupero del patrimonio edilizio per poi ampliare lo sguardo allo spazio pubblico e ai luoghi di comunità. E’ un programma realizzabile per fasi che crea una infrastruttura duttile che pone con forza il tema dell’abitare in città come uno dei nodi strategici intorno a cui sviluppare le politiche future”.