L'inaugurazione dell'Albero per Rino Gaetano
L'inaugurazione dell'Albero per Rino Gaetano

Roma, 3 giugno 2021 – Roma ricorda Rino Gaetano nel giorno del 40esimo anniversario della scomparsa del celebre cantautore, avvenuta proprio nella Capitale per un incidente stradale in Via Nomentana. E proprio sul luogo del tragico incidente, la sindaca di Roma Virginia Raggi ha inaugurato oggi l'"Albero per Rino", insieme alla sorella di Rino, Anna, e al nipote Alessandro.

Un luogo simbolico

Un simbolo per ricordare Rino Gaetano, proprio dove perse la vita ormai 40 anni fa. L'albero che ne testimonia il ricordo si trova sulla via Nomentana, dove già da anni i fan del cantante portano fiori e omaggi. L'albero diventa così una sorta di ritratto di Rino Gaetano: il tronco evoca il suo celebre maglione a fasce colorate, i rami rappresentano l'eco de "Il cielo è sempre più blu", una delle sue canzoni più popolari, mentre tra le foglie compare il suo cilindro e, annodata a un ramo, la sua sciarpa.

Un ricordo commosso

Commozione da parte dei presenti, con l’omaggio della sindaca Virginia Raggi: "Oggi abbiamo voluto celebrare in maniera creativa un grande artista inaugurando l'"Albero per Rino". Una vera e propria opera d'arte visibile da chiunque passi su via Nomentana. Roma, la città dove Rino Gaetano è cresciuto, ha voluto rendergli omaggio decorando un albero nel luogo dove purtroppo perse la vita il 2 giugno di 40 anni fa. Lo abbiamo fatto in modo unico, come unica è stata la sua geniale produzione artistica. Ricordiamo così uno dei cantautori più amati di sempre", ha dichiarato la prima cittadina di Roma, città dove Gaetano è cresciuto e ha vissuto.  

"Sono davvero commossa per questa originale iniziativa del Comune di Roma, nata su mio impulso e accolta subito dalla sensibilità della sindaca Virginia Raggi. Oggi è stato finalmente dedicato a Rino Gaetano l'albero in Via Nomentana sotto al quale, da quarant'anni, generazioni di fan portano un fiore in ricordo di quel tragico incidente che gli costò la vita", ha affermato invece la sottosegretaria per il Sud, Dalila Nesci.