Polizia all'opera
Polizia all'opera

Roma, 13 maggio 2021 – Avrebbero abusato sessualmente di un amico dopo averlo drogato con la Gbh, la così detta “droga dello stupro”. E’ questo il motivo che ha portato la Polizia ad arrestare due uomini a Roma, accusati di aver commesso il fatto l’autunno scorso. I due cittadini romani, di 25 e 32 anni, sono adesso ai domiciliari.

Droga e violenza

Violenza sessuale di gruppo, lesioni e, per uno degli indagati, anche spaccio di sostanze stupefacenti: sono questi i capi di accusa, nel dettaglio, che gravano sui due giovani. Una vicenda di droga, sesso e violenza, con presunta vittima un amico che mesi fa aveva denunciato tutto alla Polizia. Il fatto si sarebbe svolto lo scorso autunno: un giovane, poco dopo le 5 di mattina, era stato soccorso da un'ambulanza e dalla Polizia di Stato in un bar dei Colli Albani. Il ragazzo aveva raccontato di aver fatto uso di droghe e di essere stato violentato da alcuni amici. I successivi accertamenti clinici avevano confermato sia la violenza sessuale che l'assunzione di stupefacenti.

Le indagini

Durante le successive indagini, condotte dagli investigatori del commissariato Appio, è emerso che la vittima, dopo aver cenato nell’appartamento di uno dei due amici ed aver assunto droghe con loro, sia volontariamente che contro la sua volontà, sia stato improvvisamente invitato ad andarsene. Dopo aver vagato un po' per la strada, lo stesso ragazzo era tornato indietro con l'intenzione di chiedere un passaggio per farsi riaccompagnare a casa. A quel punto i due giovani lo avrebbero fatto entrare ma una volta dentro, prima con le minacce e poi con violenza, lo avrebbero stuprato entrambi e rispedito poi in mezzo alla strada.