Monopattino elettrico
Monopattino elettrico

Ostia, 24 luglio 2021 - La base dell'attività di spaccio era una casa popolare e il gruppo di serviva di 'vedette' in monopattino elettrico.
Quattro persone sottoposte ad arresti domiciliari e due minorenni collocati in comunità: facevano parte di una banda che svolgeva un'intensa attività di spaccio di crack e cocaina, utilizzando come base operativa un appartamento di proprietà dell'Ater-Comune di Roma.
A eseguire le misure i Carabinieri della Compagnia di Ostia, sull'indagine coordinata dal pool guidato dal procuratore aggiunto di Roma Giovanni Conzo, e dalla Procura per i Minorenni.

L'alloggio torna nella disponibilità di Ater - Comune di Roma

Con servizi di appostamento e l'uso di intercettazioni video e ambientali, i carabinieri hanno documentato un frenetico via-vai di acquirenti che, attraverso dei messaggi convenzionali, richiedevano la sostanza stupefacente allo spacciatore di turno nell'appartamento, protetto da una fitta rete di vedette e da un sistema di videosorveglianza. La cessione della droga avveniva attraverso la grata di protezione della porta d'ingresso della casa popolare, assegnata a una delle componenti della banda e che ora è stata sottoposta a decreto di sequestro per la successiva riconsegna all'Ater.
Sequestrati anche 254 grammi di cocaina, con un grado di purezza che arrivava anche al 98%.