Estorsione (immagine di repertorio)
Estorsione (immagine di repertorio)

Roma, 16 giugno 2021 – I carabinieri di Ostia ieri sera hanno arrestato due giovani spacciatori di 23 e 24 anni, entrambi con precedenti, con le accuse di estorsione e violazione della normativa in materia di sostanze stupefacenti.

La tentata estorsione da 4mila euro

Secondo quanto ricostruito dai militari, coordinati nelle indagini dall’aggiunto Lucia Lotti del pool reati contro il patrimonio della Procura di Roma, i due avrebbero tentato di estorcere circa 4mila euro, in totale, da un pusher di Ostia dopo averlo rifornito con mezzo chilo di hashish.

Gli arrestati, insieme a un terzo uomo ancora da indentificare, avrebbero infatti preteso quasi 3mila euro a saldo della consegna della partita di droga, effettuata a inizio maggio, per poi chiederne – minacciando di morte il pusher – altri mille come interessi.

Le indagini, i pedinamenti e gli arresti

La richiesta di denaro è stata documentata dai carabinieri intercettando alcuni messaggi ricevuti dalla vittima sul suo cellulare. Da lì sono poi partiti i pedinamenti, che hanno condotto gli uomini dell’Arma fino alla stazione della metropolitana di Vitinia, dove sarebbe dovuta avvenire la consegna dei soldi.

Appostati in zona, i militari hanno infine assistito in diretta allo scambio, dopodiché hanno fatto scattare il blitz, concluso con l’arresto dei due presunti pusher-estorsori e con il recupero dell’intera somma.