Carabinieri (Ansa)
Carabinieri (Ansa)

Roma, 27 maggio 2021 – È ricoverato in ospedale, ma non è in gravi condizioni, un 30enne fermato ieri dopo aver seminato il panico per le strade di Ostia armato di coltello. L’uomo si sarebbe perfino scagliato, tentando di colpirlo con diversi fendenti, contro un carabiniere intervenuto per fermarlo che, per evitare i colpi, ha esploso due colpi con la sua pistola d’ordinanza, ferendo l'aggressore alle gambe.

A lanciare l’allarme erano stati alcuni passanti, i quali avevano chiamato il 112 dopo aver notato l’uomo mentre si aggirava per strada impugnando un coltello da cucina. Quest'ultimo, che sarebbe affetto da problemi psichici e che si sospetta fosse in uno stato di alterazione psico-fisica, è stato intercettato in via Sarsina dagli uomini del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Ostia.

Lievi ferite anche per due carabinieri

Alla vista degli agenti, il 30enne avrebbe quindi provato a fuggire, tentando anche di rubare un’auto. Fallito questo tentativo, sarebbe quindi entrato in un’officina per poi scagliarsi contro i carabinieri, ingaggiando con loro una colluttazione, culminata nella sparatoria.

Ferito alle gambe, l’uomo è stato quindi portato in ospedale. Non sarebbe in gravi condizioni. Due militari, invece, hanno riporto lievi contusioni ed escoriazioni nel tentativo di fermarlo.