2 mag 2022

Roma, operaio morto alla Farnesina: morì sul colpo. Un funzionario sentì gridare "aiuto"

Eseguita oggi l'autopsia sul corpo di Fabio Palotti: "Fatali le gravissime lesioni da schiacciamento". Esclusa l'agonia 

featured image
Il Ministero degli Esteri. Nel riquadro: Fabio Palotti, morto a 39 anni

Roma, 2 maggio 2022 - Fabio Palotti è morto sul colpo, le gravissime lesioni da schiacciamento riportate dal'operaio escludono l'agonia. Questi i primi risultati dell'autopsia svolta oggi 2 maggio sul corpo dell'uomo di 39 anni morto mentre stava facendo manutenzioni a un ascensore alla Farnesina. Dall'esame autoptico, eseguito, all'istituto di medicina legale del Policlinico Gemelli, sarebbe emerso un quadro devastante di lesioni, tali da non lasciare scampo all'ascensorista  e da escludere un'agonia.

Per quanto riguarda l'orario esatto della morte serviranno ulteriori esami anche se al momento non si esclude che il decesso sia arrivato tra le ore 18.25 e le 19 del 27 aprile. Probabilmente le grida di aiuto sentite da un funzionario del ministero si riferiscono al momento in cui Palotti ha intuito che la cabina si stava sganciando. 

Al momento non è escluso che l'operaio, ritrovato senza vita giovedì mattina da un collega, possa essere morto mercoledì pomeriggio quando il suo telefono ha smesso di funzionare. Sempre in quelle ore di mercoledì un funzionario della Farnesina sentì qualcuno urlare "aiuto" e si rivolse ai carabinieri del presidio interno al ministero degli Esteri che effettuarono un sopralluogo senza però  trovare nessuno. 

L'indagine della Procura

L'indagine della Procura di Roma intanto prosegue, al momento il fascicolo è contro ignoti e l'ipotesi di reato è omicidio colposo. Gli investigatori hanno ascoltato i colleghi di Palotti e il titolare dell'azienda per quale lavorava come ascensorista. Chi indaga ha accertato che il 39enne quel pomeriggio era al lavoro nel vano da solo così come prevede il protocollo per gli interventi di ordinaria amministrazione. Aveva preso servizio alle 14,30 e il suo turno terminava alle 22. Tra gli atti dell'indagine c'è anche una nota di servizio in base alla quale tra le 18,25 e le 19 un funzionario del ministero ha sentito una voce maschile gridare "aiuto".

Le porte degli ascensori risultavano chiuse anche se su questo punto risposte potrebbero arrivare dall'analisi delle telecamere di sicurezza presenti sui pianerottoli. Un elemento certo è che i colleghi sapevano che Palotti era di turno e doveva effettuare l'intervento di manutenzione. Come riferito dal legale dei familiari l'allarme della compagna non è scattato subito perché quel giorno avevano avuto un piccolo diverbio e quindi poteva starci che quella sera volesse stare da solo e passare la notte dai genitori.

Giovedì mattina la moglie ha chiamato i genitori per sapere se avessero notizie del marito. I genitori erano stati contattati pochi istanti prima da un collega del figlio allarmato della presenza dell'auto nel parcheggio della Farnesina. Dopo pochi minuti hanno ricevuto la telefonata in cui gli è stato detto che il figlio era morto. Per accertare, invece, la dinamica di quanto avvenuto il pm Antonino Di Maio ha disposto una consulenza sulla cabina-ascensore: l'obiettivo è capire se si è verificata una anomalia nel funzionamento della modalità "manutenzione" o l'operaio si sia dimenticato di inserirla prima di iniziare il lavoro. 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?