quotidiano nazionale
17 mar 2022

Omicidio Mario Cerciello Rega, oggi l’appello: giudici in Camera di consiglio

Il carabiniere è stato ucciso a coltellate nel quartiere Prati il 26 luglio 2019. Con l'accusa di omicidio volontario sono a processo due giovani americani, Finnegan Lee Elder e Chistian Natale Hjorth

17 mar 2022
Rosa Maria Esilio moglie di Mario Cerciello Rega sullo sfondo
Rosa Maria Esilio moglie di Mario Cerciello Rega sullo sfondo
Rosa Maria Esilio moglie di Mario Cerciello Rega sullo sfondo
Rosa Maria Esilio moglie di Mario Cerciello Rega sullo sfondo

Roma, 17 marzo 2022 - E' attesa nel primo pomeriggio di oggi 17 marzo 2022 la sentenza d'appello per l'omicidio del vicebrigadiere dei carabinieri, Mario Cerciello Rega, avvenuto la notte del 26 luglio del 2019. Sotto accusa ci sono i giovani statunitensi Gabriele Natale Hjorth e Lee Elder Finnegan.

I giudici sono entrati in camera di consiglio e la decisione sarà comunicata in aula "a partire dalle ore 14", hanno detto i legali.  In primo grado i due americani sono stati condannati all'ergastolo. In apertura di udienza Elder ha chiesto di fare dichiarazioni spontanee definendosi "dispiaciuto per quanto avvenuto" e ribadendo che "non sapeva" che Cerciello e il suo collega di pattuglia Andrea Varriale "fossero carabinieri". 

Approfondisci:

Omicidio Cerciello: morto Brugiatelli, il testimone chiave. Era malato da tempo

Nei loro confronti il procuratore generale ha chiesto la conferma del massimo della pena per Elder e 24 anni per Hjorth.  
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?