quotidiano nazionale
12 mag 2022

Notte dei Musei 2022 a Roma e nel Lazio. Concerti, mostre e visite a 1 euro: il programma

Sabato 14 maggio torna l'iniziativa, con 3mila musei aperti in tutta europa. Ricco di eventi il palinsesto della Capitale e del Lazio, per una notte piena di emozioni

12 mag 2022
featured image
Mercati di Traiano Museo dei Fori Imperiali
featured image
Mercati di Traiano Museo dei Fori Imperiali

Roma, 12 maggio 2022 – Musei aperti a Roma e in tutto il Lazio, basta staccare un biglietto simbolico di un euro per immergersi in una notte da sogno, tra concerto, spettacoli e visite guidate. Dopo due anni di assenza dovuta all’emergenza sanitaria, sabato 14 maggio torna “La Notte di Musei”, un appuntamento diffuso in tutta Europa con oltre 3mila musei.

L’iniziativa si svolgerà in contemporanea in 30 Paesi europei e, per quanto il Lazio, saranno 20 i musei pubblici che apriranno le porte ai visitatori di sera e oltre 80 le realtà culturali che organizzeranno eventi serali. La parte del gigante sarà quella della Capitale, che ha già messo in calendario visite in 16 spazi museali della città, mentre nelle altre zone saranno visitabili il Mitreo di Marino e gli edifici del Foro di Praeneste di Palestrina, Villa Adriana e Villa d’Este a Tivoli, tutti compresi nell’area metropolitana romana.

Musei, orari ed eventi: ecco il programma:  

Roma: cosa succede nella Capitale

Le strutture museali di Roma Capitale, vedrà l’apertura straordinaria in orario serale – dalle 20 di sera alle 2 del mattino – dei Musei civici sparsi nel territorio cittadino, con un ampio programma di concerti e spettacoli dal vivo. Il biglietto di ingresso avrà il costo simbolico di un euro, ma in alcune strutture l’ingresso sarà gratuito, e consentirà di assistere a spettacoli e visite guidate, circondati dalle opere d’arte delle collezioni permanenti e da quelle delle numerose mostre temporanee.

Ecco quali sono i musei civici coinvolti: Musei Capitolini, Centrale Montemartini, Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali, Museo dell’Ara Pacis, Museo di Roma, Museo Napoleonico, Museo di Roma in Trastevere, Museo Pietro Canonica a Villa Borghese, Musei di Villa Torlonia (Casino dei Principi, Casina delle Civette, Casino Nobile, Serra Moresca), Museo delle Mura, Museo Carlo Bilotti – Aranciera di Villa Borghese, Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco, Museo Civico di Zoologia, Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina, Galleria d’Arte Moderna, Museo di Casal de’ Pazzi. In questi musei l’accesso sarà completamente gratuito per i possessori della MIC card.

“La Notte dei Musei” a Roma, sarà anche l’occasione per visitare moltissimi altri spazi della città che hanno deciso di aderire all’iniziativa – promossa da Roma Culture, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e organizzata da Zètema Progetto Cultura – come università, accademie italiane e straniere, ambasciate, Istituti di alta formazione, istituzioni e tanti luoghi della cultura e dell’intrattenimento eccezionalmente aperti in orario serale. Sono circa 80 spazi, diffusi sul territorio al cui interno prenderanno vita oltre 100 eventi, con più di 60 mostre pronte ad accogliere i visitatori.

Nel corso de “La Notte dei Musei 2022” saranno aperti anche musei, complessi monumentali, aree e parchi archeologici statali di Roma, sempre al costo simbolico di un euro. Per il programma aggiornato de La Notte dei Musei 2022 coordinata da Roma Capitale (che è suscettibile di variazioni) e per l’elenco completo delle strutture aderenti si può consultare il sito dei musei: ecco il link.

Il Senato

Il Senato Della Repubblica, sarà aperto dalle 20 alle 24 (ultimo ingresso ore 23.30), con visite guidate di Palazzo Madama, così come la Camera dei Deputati, dalle 20 alle 2 (ultimo ingresso all’1.00) con visite guidate di Palazzo Montecitorio al termine delle quali ogni gruppo potrà assistere al concerto del pianista Emiliano Toso.

Le istituzioni militari

Sarà eccezionalmente aperto anche il Palazzo Marina, dalle 20 alle 2 (ultimo ingresso all’1.00), con visite guidate dalle ore 20 e, alle 20.30, il concerto della Banda Musicale della Marina. Accessibili anche il Museo storico dei Vigili del Fuoco a Testaccio aperto dalle 21 alle 2 (ultimo ingresso all’1.30) e la sede del Comando Legione Carabinieri Lazio, nella Caserma Ten. Giacomo Acqua, aperto dalle 20 alle 2 (ultimo ingresso all’1.30).

Scienza e pillole di salute

Potrà essere visitato anche l’Istituto Superiore di Sanità, dalle 20 alle 23 (ultimo ingresso alle 21.30), con il percorso di visita porte aperte al Museo Iss: scienza e pillole di salute, in partenza alle 20e alle 21.30, e con la possibilità di vedere la mostra Iss per Covid. Così come l’Istituto Superiore Anticendi che, dalle 20 alle 23.00 (ultimo ingresso alle 22.30), permetterà di visitare la propria sede degli Ex Magazzini Generali.

Grazie all’Opera Romana Pellegrinaggi, sarà possibile visitare dalle 20 alle 24 (ultimo ingresso alle 23.30) il Carcer Tullianum, luogo unico del passato di Roma, mentre, dalle 21.30 all’1 di notte (ultimo ingresso alle 00.15), sarà accessibile al pubblico il Museo Ebraico di Roma con la visita al Tempio Maggiore e la mostra “1849-1871. Ebrei di Roma tra segregazione ed emancipazione”.

A Marino, apre il Mitreo 

Sabato 14 maggio sarà possibile visitare il Mitreo di Marino (Roma) dalle ore 19 alle ore 22, grazie alle visite guidate gratuite dei funzionari della Soprintendenza per l’area metropolitana di Roma e per la provincia di Rieti.

“Le pitture del Mitreo di Marino, individuato casualmente nel corso di lavori edilizi nel Secondo Dopoguerra – fanno sapere dal museo – rappresentano sicuramente uno degli episodi più rilevanti e suggestivi della pittura romana di epoca imperiale”.

L’ottimo stato di conservazione, miracoloso date le condizioni ambientali dell’edificio, ricavato in una cisterna scavata nel banco tufaceo al piede del rilievo su cui sorge il paese, consente di apprezzare in tutto il suo sviluppo il ciclo iconografico caratteristico del racconto salvifico della religione di origine persiana incentrata su Mitra, in cui il giovinetto, ispirato dal Sole compie il rito, allusivo alla fecondità, del sacrificio del toro (tauroctonia), alla presenza dei suoi alfieri Cautes e Cautopates e della Luna, nonché di apprezzare l’alto livello artistico della pittura antica ancora a fine II secolo d.C., pure in un episodio senza dubbio secondario e marginale sia per dislocazione che per committenza.

Palestrina, l’antica notte di Praeneste

Il Complesso degli Edifici del Foro dell'antica città di Praeneste (oggi Palestrina) saranno visitabili con i suggestivi resti dell'antica Basilica e dei due ambienti noti come "Antro delle Sorti" e "Aula Absidata". I funzionari della Soprintendenza accompagneranno gratuitamente i visitatori alla scoperta del sito tra le 19 e le 22 (ultimo ingresso ore 21.30).

Le origini di Praeneste risalgono almeno all'VIII sec. a.C. La città, molto ricca e fiorente in epoca orientalizzante e arcaica, visse una fase di grande ricchezza e benessere nella tarda età repubblicana, grazie ai contatti commerciali e agli scambi con l’Oriente mediterraneo.

In questo periodo Praeneste vide imponenti interventi edilizi che determinarono una profonda ristrutturazione monumentale e urbanistica della città: fra questi, oltre alla ricostruzione in forme grandiose del santuario della Fortuna Primigenia, culto esistente in città fin da epoca arcaica, si inserisce anche la costruzione, intorno al 120-110 a.C., del Complesso degli edifici del Foro. Una sala espositiva, ricostruzioni multimediali in 3D e alcuni documentari televisivi su Palestrina completano l’allestimento del Complesso.

Tivoli e le sue Ville

L’Istituto Villa Adriana e Villa d’Este propone, a 1 euro, un’offerta culturale diversificata per i vari target di pubblico. Santuario di Ercole Vincitore, dalle 19 alle 22 (ultimo ingresso 21.00). Alle 20, “Dal Buio, la Luce”, visita guidata teatralizzata dal Santuario di Ercole Vincitore ai giardini di Villa d’Este (massimo 20 partecipanti), in collaborazione con CoopCulture. (Visita guidata 7 euro).

Si aprono straordinariamente per l’occasione le porte del Laboratorio di Antropologia Fisica del Santuario di Ercole Vincitore, dove sono custodite collezioni osteologiche di rilevanza internazionale. Elena Dellù, antropologa e responsabile del laboratorio, guiderà i visitatori alla scoperta dell’evoluzione della nostra specie e dell’interazione nel rapporto tra uomo e ambiente.

A Villa d’Este, dalle 19.45 alle 22.45 (ultimo ingresso ore 21.45) ingresso a 1 euro. Alle 20.30, concerto gratuito nella Sala di Noè: “L’Ensemble Constanze” esegue Armonie di Pace. Alice Bonanni - flauto, Sophia Azzollini e Arianna Tonsini - violini, Mariama Coly - viola, Sofia Amodio -violoncello. Direzione artistica Massimiliano Tonsini.

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?