Asili nido
Asili nido

Roma, 31 agosto 2021- Nidi nel caos, le famiglie temono ritardi nella riapertura degli asili capitolini e lamentano scarse certezze sulla gestione del green pass. I nidi riapriranno domani mattina, al momento il personale è al lavoro per concludere le sanificazioni e predisporre la logistica in vista dei primi ingressi dell’1 settembre. "La data del primo settembre che segna l'avvio dei nidi non è ancora arrivata e già si preannuncia il caos su più fronti". I genitori temono un’ondata di disagi, a fare da portavoce alle preoccupazioni dei genitori è Andrea De Priamo, il capogruppo di FdI in Assemblea Capitolina.

"Le operazioni di pulizia a cura di Multiservizi sono in iniziate tardivamente rispetto agli altri anni e con personale ridotto. Tutto ciò proprio nel momento in cui le bolle nido sono state riconvertite nelle consuete sezioni, con gli ambienti che devono essere risistemati in modo adeguato e le operazioni di sanificazione continuativa che sono ancora un obbligo per i servizi", continua De Priamo insieme a Laura Marsilio, dirigente nazionale del partito. Lazio, negli asili nido stop ai piccoli gruppi: da settembre tutti in classe

Non si ha certezza su chi dovrà controllare il possesso di green pass valido del personale insegnante – spiegano – un'operazione che certamente non può essere garantita giornalmente dai coordinatori educativi, poiché i servizi non sono dotati di uffici di segreteria a supporto e in alcuni municipi gli uffici personale si rifiutano di effettuare tale verifica. Non si capisce se i genitori, per accedere al nido e seguire il proprio bambino nell'ambientamento, dovranno esibire il green pass e non vi è nessun riscontro al riguardo", hanno spiegato i due coordinatori di FdI. Costa: "Green pass obbligatorio per le badanti". Speranza: "Vaccino a chi lavora a scuola"

Manca il personale, le informazioni sono ancora poco chiare: questa la denuncia di Andrea De Priamo. "Il personale educativo in molti nidi non risulta in numero adeguato per poter avviare gli inserimenti dei bambini – dice infatti il capogruppo – e le prime convocazioni per l'assegnazione di incarichi partiranno solo dal giorno 2 settembre e si protrarranno per più giorni lasciando i nidi in carenza di organico”, aggiunge. Ma non solo. “Roma Capitale purtroppo concludono De Priamo e Marsilio si è nuovamente distinta per incapacità organizzativa, nonostante l'Amministrazione abbia avuto a disposizione il tempo necessario per ovviare ad impedimenti che, ormai a poche ore dall'apertura ufficiale dei nidi, mettono in serio pericolo la fruibilità insicurezza di queste fondamentali strutture".

Riapertura scuole, il calendario regione per regione. I dubbi del pediatra