La protesta dei medici a Roma
La protesta dei medici a Roma

Roma, 17 novembre 2021 – “Manca personale, in Italia i pronto soccorso sono a rischio”. È il grido di allarme, lanciato oggi a Roma da medici e infermieri, sulle gravi difficoltà delle strutture che garantiscono il soccorso e le cure in emergenza e urgenza. Oggi a Roma, medici e infermieri sono scesi in piazza Santi Apostoli con un sit-in per denunciare buchi di personale, con un appello: “Non sappiamo come affrontare l'inverno: solo negli ultimi due anni, dall'inizio della pandemia, abbiamo subito una perdita netta complessiva di circa 2mila medici”.

“Il nostro messaggio è drammaticamente banale: senza un'emergenza urgenza efficace, senza un servizio di pronto soccorso strutturato e all'altezza delle reali necessità, non può esistere un efficiente servizio sanitario nazionale. Parliamo a ragion veduta, perché nonostante le carenze continuiamo a mantenere in funzione i servizi. Ma siamo arrivati in fondo''. A spiegarlo è Salvatore Manca, il presidente nazionale Simeu, la Società italiana della medicina di emergenza-urgenza.

Sanità, medici in fuga da Napoli. Il 118 chiede aiuto al Governo: "Troppa precarietà"

"Siamo i difensori dei diritti dei pazienti"

"Il profondo disagio vissuto dai professionisti di emergenza urgenza – continua Manca – coincide con le inaccettabili condizioni in cui versano i pazienti in molti pronto soccorso. Medici, infermieri e pazienti pagano il prezzo delle medesime carenze, tra attese infinite per un posto letto, strutture inadeguate e le difficoltà legate a personale numericamente insufficiente", ha spiegato Fabio De Iaco, responsabile dell'Accademia dei direttori Simeu.

"Medici e infermieri dell'emergenza urgenza – ha aggiunto  – vengono trattati con indifferenza da troppo tempo, nonostante il tremendo carico psico-fisico che sostengono, per un impegno professionale che non trova paragoni nell'ambito del sistema sanitario nazionale. Vorremmo essere percepiti per quel che siamo: dai professionisti come colleghi, dalle istituzioni come interlocutori tecnici, dai cittadini come difensori dei diritti dei pazienti".

Aggressione in pronto soccorso, un uomo cerca di strangolare il medico di guardia

I motivi della protesta

In Italia, nel 2019 “si sono contati un totale di 24 milioni di accessi in pronto soccorso, orientativamente un'emergenza ogni 90 secondi. Oggi non solo non diminuiscono, ma aumentano. Nel 2021 le performance peggiorano perché le capacità di risposta si sono ridotte", ha ricordato società scientifica. I medici dei pronto soccorso italiani si sono riuniti in sit-in a Roma contro “l’impoverimento" del servizio sanitario nazionale, che sta "perdendo uno dei suoi pilastri
fondamentali: le strutture che garantiscono il soccorso e le cure in emergenza e urgenza".

Mancano all’appello 4mila medici

"Oggi mancano all'appello 4mila medici che rappresentano circa il 30% della struttura organica necessaria per far funzionare adeguatamente i pronto soccorso e questo non è solo un numero che impressiona per la sua grandezza", avverte la Simeu. "Non sappiamo come potremo affrontare l'inverno - evidenzia Andrea Fabbri, responsabile del Centro studi e ricerche Simeu - Solo negli ultimi due anni, dall'inizio della pandemia, abbiamo subito una perdita netta complessiva di circa 2mila medici”.

Ma non solo. “In realtà il depauperamento degli organici di pronto soccorso viaggia, secondo la rilevazione che abbiamo terminato proprio in questi giorni, a un ritmo ancora più veloce: circa 2mila medici solo nell'ultimo anno. Questi numeri ci indicano che ogni due professionisti che abbandonano troviamo una sostituzione solo per uno di essi. Viviamo ormai in un perenne stato di allerta e ogni giorno è peggiore di quello precedente''.