29 gen 2022

Ingegnere informatico morto ad Amsterdam: ipotesi omicidio per Paolo Moroni

Domenica l'ultima telefonata coi familiari: "Era tranquillo". Il decesso risalirebbe a giovedì. Il 42enne era tornato in Olanda dopo lo smartworking nella casa di Allumiere

featured image
Paolo Moroni, l'ingegnere ucciso ad Amsterdam

Roma, 29 gennaio 2022 - "Era tranquillo". Così il fratello e la sorella di Paolo Moroni, l'ingegnere informatico originario di Allumiere (Roma) trovato morto ad Amsterdam, avrebbero commentato con gli investigatori l'ultima telefonata avvenuta domenica scorsa.
Paolo Moroni, 42 anni, è stato trovato morto ad Amsterdam, in Olanda, dove lavorava da alcuni anni. 
La morte, secondo quanto si apprende, risalirebbe a giovedì 27 gennaio e la Farnesina ha successivamente avvisato i familiari del giovane. 
La famiglia, titolare di un ristorante nel piccolo centro della Città metropolitana di Roma, non riusciva a contattarlo. Poi la tragica notizia. Indagini sono in corso da parte della polizia olandese e c'è l'ipotesi omicidio: sono da chiarire le circostanze di una morte che allo stato presenta molti aspetti oscuri. 

L'ultima chiacchierata coi familiari

Nella chiacchierata avevano parlato delle foto fatte la scorsa estate e l'uomo non aveva lasciato trapelare alcun segnale di preoccupazione. 
Moroni era tornato ad Amsterdam, dove lavorava regolarmente da anni, da una decina di giorni dopo aver passato un periodo di smart working nel suo paese natale, Allumiere, in provincia di Roma. 

Approfondisci:

Italiana morta in Lussemburgo, il compagno: "Un colpo le ha fracassato la testa"

Il sindaco di Allumiere: "Famiglia straordinaria, una vera tragedia" 

Approfondisci:

Chef lodigiano ucciso a New York, dopo due anni nessuna giustizia

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?