Vigili del Fuoco impegnati a spegnere l'attacco incendiario a Castelporziano
Vigili del Fuoco impegnati a spegnere l'attacco incendiario a Castelporziano

Ardea (Roma), 23 agosto 2021 – Hanno accatastato cumuli di rifiuti con una ruspa su un'area pubblica di Ardea e poi hanno appiccato il fuoco, rischiando di innescare un incendio più ampio, con effetto a catena sul territorio circostante. Legno, ferro, plastica e materiale organico tra il materiale ritrovato sotto la cenere dai vigili del fuoco. È successo nei giorni scorsi a Tor San Lorenzo, dove i carabinieri sono riusciti a risalire ai responsabili degli incendi.

Tre piromani sono stati fermati e denunciati sabato, nel corso di una serie di servizi in abiti civili finalizzati ad identificare gli autori degli incendi, che nelle settimane successive sono scoppiati in diverse zone del territorio. Si tratta di tre cittadini del Pakistan: un uomo di 53 anni e altre due persone, padre e figlio, di 50 e 16 anni, tutti residenti da anni a Lavinio, località turistica sulla costa laziale. I tre sono stati colti sul fatto: dopo aver accatastato con l'utilizzo di una ruspa i rifiuti su un'area pubblica di via della Caffarelli, avevano acceso il fuoco.

Nei pressi dell'area interessata dall'incendio, i carabinieri della Compagnia di Anzio hanno trovato anche un magazzino di circa 25 metri quadrati con tetto e muretto perimetrale in eternit. L'intera area è stata sottoposta a sequestro. I tre, denunciati alla procura di Velletri e il minore alla procura per i minorenni di Roma, dovranno ora rispondere di abbandono di rifiuti e combustione illecita di rifiuti.

Questa notte, in un capannone in via di Valle Ricca a Roma, è scoppiato un aoltro incendio. Ci sono volute circa 7 ore per spegnere le fiamme. I vigili del fuoco sono ancora al lavoro per bonificare e mettere in sicurezza l'area, al momento non si conoscono le cause dell'incendio. 

Incendi Napoli, piromane appicca il fuoco al parco nazionale del Vesuvio: arrestato 70enne