2 apr 2022

Guerra Ucraina, aiuti da Roma. D'Amato: "Team medico inviato al confine per i soccorsi"

Una squarda di medici dell'Ares 118 e dell'ospedale Bambino Gesù è partito oggi alla volta del confine con i territori in guerra per il triage dei profughi. In arrivo agli Altipiani di Arcinazzo 35 ucraini, a Roma sono 13.700 i profughi già accolti 

Ukrainian evacuees queue as they wait for further transport at the Medyka border crossing, after they crossed the Ukrainian-Polish border, southeastern Poland, on March 29, 2022, on the 34th day of the Russian invasion of Ukraine. - Ukraine is calling for an "international agreement" to guarantee its security, which would be signed by several guarantor countries, said on March 29, 2022 the Ukrainian chief negotiator after several hours of Russian-Ukrainian talks in Istanbul. (Photo by Angelos Tzortzinis / AFP)
Profughi in fuga dall'Ucraina

Roma, 2 aprile 2022 – Medici romani in missione al confine ucraino, cureranno i profughi in arrivo alle frontiere. “È partito il team medico misto composto da personale di Ares 118 e del Bambino Gesù verso il confine ucraino, dove lavorerà per una settimana per prestare assistenza e effettuare il triage per i pazienti da prendere in carico". Lo annuncia l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato.

Approfondisci:

Ucraina news, Zelensky non nega attacco in Russia. Mosca mobilita truppe in Transnistria

Trevi, nuovi arrivi

In arrivo agli Altipiani di Arcinazzo 35 persone ucraine, donne e bambini, attraverso la Caritas San Policarpo di Roma, che saranno ospitate presso i locali delle suore in via Selva d'Anticoli. Lo ha reso noto il sindaco di Trevi nel Lazio, Silvio Grazioli. “Fondamentale – ha detto il sindaco – sarà l'apporto di tutte le istituzioni e le associazioni del territorio, in quanto lo sforzo deve essere corale e coinvolgere tutta la comunità”.

Roma, 13.700 profughi

A Roma, sono attivi "gli hub di Ostiense e Termini dedicati ai cittadini provenienti dall'Ucraina. Fino ad oggi – spiega l'assessore D'Amato – sono state rilasciate oltre 13.700 tessere Stp (straniero temporaneamente presente). Tutti hanno effettuato un colloquio di orientamento sanitario, il tampone e chi non lo avesse già eseguito, anche il vaccino".

Sono 80.622 le persone in fuga dalla guerra giunte finora in Italia: 41.614 donne, 8.111 uomini e 30.897 minori. Rispetto a ieri, l'incremento è di 1.575 ingressi nel territorio nazionale: le destinazioni principali sono Milano, Roma, Napoli e Bologna. Lo riferisce il Viminale. Fino a ieri, in Veneto sono stati accolti oltre 11mila profughi.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?