Fiumicino, polemiche in Comune per le strisce pedonali color arcobaleno
Fiumicino, polemiche in Comune per le strisce pedonali color arcobaleno

Roma, 18 Maggio 2021 - C'è chi le apprezza e chi no. C'è chi non ci trova niente di male, ma anzi, crede che dipingere le strisce pedonali color arcobaleno davanti alla sede del Comune di Fiumicino sia un forte segnale contro coloro che "vorrebbero tenere ai margini della società intere categorie di persone".

La Lega: "Il codice della strada lo prevede?"

Il dibattito resta acceso proprio all'indomani della Giornata mondiale contro l'omolesbobitransfobia, che ha visto divisioni e apprezzamenti anche sui social, tra i cittadini.

I gruppi di centro destra e le liste civiche collegate hanno fortemente criticato l'iniziativa chiedendo le dimissioni di chi l'ha autorizzata. "Amministrare un comune non significa far ciò che si vuole dei luoghi pubblici. Il codice della strada lo prevede? Da chi sono state autorizzate?", è il commento della Lega Fiumicino.

Il sindaco: "Fiumicino è la casa di tutti"

Non tarda ad arrivare la replica del sindaco Esterino Montino: "Chi arriva al Comune di Fiumicino deve sapere con chiarezza che questa è la casa di tutte e tutti, dove nessuno sarà considerato un cittadino di serie B per il suo orientamento sessuale, la sua identità di genere, il suo sesso, la sua pelle, la sua disabilità o qualsiasi altra caratteristica che lo contraddistingua".

Il sindaco di Fiumicino poi insiste: "Continueremo ad amministrare questa città tenendo come faro la nostra Costituzione e i principi di uguaglianza e fratellanza che ne sono il fondamento. E continueremo a contrastare con tutte le nostre forze coloro che, invece, vorrebbero tenere ai margini della società intere categorie di persone".

"A destra non hanno argomenti"

"E' singolare come ogni volta che l'amministrazione intraprende un'iniziativa, anche simbolica, in favore dei diritti delle persone, da destra si alzino proteste e urla incontrollate. Addirittura minacce di denunce", dichiarano a loro volta i capigruppo di maggioranza in Consiglio comunale.

"Perfino le liste civiche che dovrebbero essere indipendenti rispetto a posizioni ideologiche dei partiti, si accodano al coro - proseguono -. Colorare con i colori arcobaleno le strisce pedonali davanti al Comune è una bellissima iniziativa, nella giornata contro l'omolesbobitransfobia e in risposta a certi messaggi falsi che circolano in questi giorni anche nella nostra città. E', invece, politicamente deprimente che ad un gesto simbolico, di rottura verso un clima di odio sempre crescente, un gesto che parla di inclusione - concludono - da destra non si trovino argomenti da opporre e si usi il codice della strada".