Il presidio dei lavoratori a Fiumicino
Il presidio dei lavoratori a Fiumicino

Roma, 6 luglio 2021 – Sono noltre 250 i lavoratori in presidio all'aeroporto di Fiumicino, una protesta sindacale davanti al Terminal 3 per chiedere garanzie sul futuro del comparto aereo.

“Incentivi a tutto il settore: 6 mesi senza fondo volo è inaccettabile” si legge su uno dei cartelli sbandierati dai manifestanti di fronte al terminal delle partenze, dove sono riuniti i lavoratori di Alitalia, di Fly Emirates, AirItaly e di vari settori operativi. E ancora: “Diamo un futuro ad Alitalia”, si legge su un altro striscione.

Il presidio è stato organizzato, a partire dalle 11 di questa mattina, in occasione dello sciopero generale di 24 ore di tutto il personale del trasporto aereo. A proclamare la protesta unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl Trasporto Aereo.

Solidarietà delle istituzioni

Tra le persone presenti al presidio, c'erano anche il sindaco di Fiumicino, Esterino Montino, e la consigliera regionale Pd, Michela Califano. Al microfono si sono alternati diversi sindacalisti e
lavoratori. “Il destino di migliaia di lavoratori è a rischio e non ce lo possiamo permettere”, hanno detto gli aeroportuali. E ancora: “Teniamo alta la mobilitazione, ci saranno prossime iniziative, perché la stagione che ci attende sarà difficile, in particolare da settembre e ottobre, sin assenza di paracadute. E riguarda le grandi vertenze ma anche l'handling, il catering, e altri ancora”.

Si chiedono aiuti al Governo

“Il governo ha commesso un grave errore a non inserire il settore nel blocco dei licenziamenti. Lavoreremo affinché non avvenga, ma abbiamo bisogno dell'aiuto del Governo”, ha detto il segretario nazionale della Filt CGIL, Fabrizio Cuscito.

Voli cancellati

Sono una cinquantina i voli cancellati oggi in partenza all'aeroporto di Fiumicino a causa dello sciopero generale di 24 ore di tutto il personale del
trasporto aereo. Disagi per il momento contenuti e non ci sono file davanti ai banchi delle compagnie che hanno preavvisato dell'agitazione i passeggeri facendo scattare riprogrammazioni
di voli e riprotezioni sui primi collegamenti utili. In Veneto, protesta dei lavoratori allo scalo Marco Polo di Venezia e, secondo la Cgil Veneto, "80% di voli cancellati in tutta la giornata