Rapine nella zona della Stazione Termini
Rapine nella zona della Stazione Termini

Roma, 27 luglio 2021 – Cinque rapinatori erano diventanti il terrore dei viaggiatori, controllavano la zona della Stazione Termini aggredendo e minacciando le loro vittime. È stata sgominata la banda della stazione, tutti i complici sono finiti nella rete degli agenti del Commissariato Viminale e i carabinieri del Nucleo scalo Termini che hanno condotto insieme le indagini. Manca all'appello una sesta persona, ricercata.

Arrestati un 25enne di origini romene, un egiziano di 19 anni e altri due connazionali di 21 e 24 anni, eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Roma su richiesta del pool Reato contro il patrimonio della Procura. I cinque giovani sono accusati di essere responsabili in concorso tra loro, e con un'altra persona al momento irreperibile, dei reati di rapina pluriaggravata ai danni di due giovani, un romeno e un ecuadoregno aggrediti vicino alla Stazione Termini lo scorso 18 maggio.

Le due vittime, mentre si trovavano in piazza dei Cinquecento, sono state derubate della loro cassa acustica portatile da parte di un gruppetto di ragazzi che avevano appena conosciuto e, nel richiederla indietro, sono stati avvicinati da un altro che li ha minacciati con una pistola. Poi insieme agli altri complici ha colpito al volto una delle vittime, portandogli via il portafogli, il telefono cellulare e un orologio da polso. Sempre sotto minaccia della pistola, i cinque hanno poi costretto l'altro ragazzo ad alcuni prelievi bancomat con la sua carta di credito, non andati a buon fine perché furbamente, la vittima ha sbagliato volontariamente il pin. Le vittime hanno subito sporto denuncia, innescando la catena dei controlli: grazie a una minuziosa indagine, gli agenti sono riusciti a risalire ai responsabili dei reati.