La Polizia sul luogo del femminicidio a Roma
La Polizia sul luogo del femminicidio a Roma

Roma, 29 maggio 2021 - Un altro femminicidio questo pomeriggio a Roma: un uomo ha ucciso la moglie in strada colpendola più volte con un coltello. E' accaduto subito dopo l'ora di pranzo, verso le 14.30 in via Greppi, nel quartiere Portuense della Capitale. La donna, 40 anni, è morta poco dopo il trasferimento in ospedale. Il marito, invece, è stato bloccato dai passanti che hanno assistito alla scena, e poi arrestato dalla polizia.

Una furia omicida

Il 49enne avrebbe colpito la donna al corpo per almeno dieci volte, procurandole in particolare due gravi ferite allo stomaco. Un gesto feroce e violento che l'uomo probabilmente premeditava da quando la donna, circa una settimana fa, aveva deciso di separarsi dal marito. Gli investigatori hanno sequestrato il coltello e repertato i vestiti sporchi di sangue indossati dall'aggressore. "Io amo mia moglie, io amo mia moglie" avrebbe ripetuto il marito agli agenti.

La dinamica dell'aggresione

Da quanto ricostruito, l'uomo avrebbe raggiunto la moglie aspettandola davanti al supermercato dov'era andata a fare la spesa. Quando è uscita con le buste in mano, le avrebbe chiesto di ritornare insieme. Al suo rifiuto l'uomo ha iniziato ad aggredirla utilizzando un coltello da cucina che si era portato con sé. A quel punto, a dare l'allarme al 112 sarebbe stata proprio una cittadina segnalando che la donna era a terra in gravissime condizioni. 

L'inutile corsa in ospedale

Portata immediatamente all'ospedale San Camillo-Forlanini di Roma, nonostante le pronte cure, la donna ha avuto un arresto cardiaco ed è quindi stata portata d'urgenza in sala operatoria e sottoposta ad intervento chirurgico multidisciplinare. "Purtroppo le ferite risultavano gravissime e malgrado gli sforzi terapeutici dell'équipe curante la paziente è deceduta. La salma è stata posta a disposizione della autorità giudiziaria", hanno fatto sapere dalla struttura sanitaria.