Il premier Mario Draghi
Il premier Mario Draghi

Roma, 28 settembre 2021 – Il conto alla rovescia è partito. A un mese dalla chiusura delle candidature (29 ottobre), il premier Mario Draghi lancia la corsa di Roma per ospitare l'Expo 2030. Dopo l'edizione del 2015 a Milano, l'Italia ritenta la carta dell'esposizione universale, stavolta nella Capitale. In corsa ci sono anche Mosca per la Russia e Busan per la Corea del Sud. Il premier ha inviato una lettera ai candidati sindaco della Capitale, dove il 3 e 4 ottobre si vota per il rinnovo dell'amministrazione comunale, per notificargli la scelta del Governo. "Si tratta senz'altro di una grande opportunità per lo sviluppo della città", scrive il premier. Draghi ringrazia i contendenti "per la dimostrazione di unità a favore della nostra Capitale". Il 24 giugno scorso, infatti, i quattro principali candidati per il Campidoglio - la sindaca Virginia Raggi, assieme a Roberto Gualtieri del centrosinistra, Carlo Calenda ed Enrico Michetti del centrodestra - hanno condiviso una lettera indirizzata al premier per chiedergli di proporre la Capitale come sede per Expo 2030. "Può rappresentare una grande opportunità per il rilancio definitivo di Roma, chiediamo al presidente del Consiglio e all'intero governo di candidare l'Italia e la sua Capitale a ospitare l'Esposizione Universale nel 2030", si leggeva nella missiva dei quattro.

Nel cassetto il progetto del polo autosufficienza energetica tra Tiburtina, Pietralata e San Basilio

Il Campidoglio da alcuni mesi ha attivato una struttura di missione per lanciare la candidatura composta, tra gli altri da Giuseppe Scognamiglio, consigliere della sindaca ed ex diplomatico, e dalla dirigente dell'Urbanistica Gabriella Raggi. Il progetto elaborato prevede la realizzazione di un polo ad autosufficienza energetica nelle zone ad Est, tra Tiburtina, Pietralata e San Basilio, con il recupero di manufatti di archeologia industriale. Dopo l'annuncio di Draghi la sindaca esulta. "Daje!!! Roma è ufficialmente candidata ad ospitare l'Expo del 2030. Si tratta di uno dei più importanti eventi internazionali, un evento in grado di attrarre investimenti, proporre al mondo grandi progetti di innovazione e di rilanciare il lavoro e l'economia di tutta l'Italia". Seguono i ringraziamenti: "Ora dobbiamo fare squadra. Ringrazio il presidente del Consiglio Mario Draghi e il ministro degli Esteri Luigi Di Maio che hanno creduto nella solidità della candidatura di Roma. Si tratta di un progetto partito due anni fa che si è sempre più consolidato grazie al contributo di tutti gli attori istituzionali e privati. Ringrazio, in particolare, Unindustria Roma che ci ha sostenuto cosi' come la Camera di Commercio di Roma". Poi una postilla della sindaca: "Si tratta di una vittoria di squadra. Per Roma si tratta di un particolare motivo di orgoglio, perché supera il racconto di una città dove non si possono fare le cose, anzi è la dimostrazione che a Roma si può fare tutto e anche meglio". Proprio il ministro Di Maio le fa eco: "É un'altra sfida green, di sviluppo urbano e di crescita economica per la nostra Capitale, e c’è tanto da fare. Un traguardo che significherebbe ripartenza per tutta l'Italia, con nuove e notevoli opportunità di lavoro e di rilancio economico".

La soddisfazione dei candidati, cruciali i prossimi mesi 

Soddisfatto anche lo sfidante di centrosinistra, Gualtieri. "Un'ottima cosa, abbiamo condiviso tutti questa candidatura in modo bipartisan, tutti i candidati sindaco hanno condiviso questa ipotesi, questo ha dato forza. Bisognerà passare i test, già nei primi mesi del prossimo anno ci saranno delle ispezioni per verificare che il progetto va avanti", commenta l'ex ministro dell'Economia. "Dovremo immediatamente rafforzare la struttura di missione - aggiunge Gualtieri - perché ci sono tempi tecnici abbastanza rapidi. Ci sono buone possibilità di vincere Expo, sono fiducioso. Se vinceremo avremo una sequenza Giubileo 2025, Pnrr, Expo 2030 e poi nel 2033 il bimillenario della passione di Cristo, che ci consente di chiedere risorse adeguate per affrontare questi appuntamenti. E' una grande opportunità".

Zingaretti: "Ora spirito di squadra e unità d'intenti"

Esulta anche il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti: "É senza dubbio un'occasione imperdibile per la nostra città, ma anche per il Lazio e per l'intero Paese". Zingaretti sottolinea: "Eventi internazionali di questo livello sono una straordinaria opportunità di sviluppo e crescita dal punto di vista economico, infrastrutturale e turistico. Come Regione Lazio ci impegniamo sin da ora in questa nuova importante avventura, con quello spirito di squadra e unità di intenti che sfide come questa richiedono per essere vinte". Carlo Calenda, impegnato in un comizio a Milano durante l'annuncio, prima ironizza: "Che Dio ce la mandi buona, magari sarà un motivo in più per parlarsi con Milano nei prossimi mesi". Poi commenta: "Ci voleva, dopo aver rinunciato alle Olimpiadi, dopo questa idea penitenziale di non farcela, finalmente una bella sfida internazionale che Roma vincerà alla grande".