Controlli nei supermercati
Controlli nei supermercati

Roma, 3 novembre 2021 – Undici rapine in due mesi, messe a segno nei supermercati di Casal Bruciato. Autore dei colpi, un 40enne agli arresti domiciliari nello stesso quartiere, alla periferia di Roma. Tutte le vittime descrivevano il rapinatore, armato di coltello o pistola, come un uomo particolarmente magro e con il “doppio taglio” sui capelli. Ed è stato questo particolare a permettere ai Falchi della Sesta sezione di stilare un primo identikit e poi di arrivare sulle tracce del rapinatore, entrato in azione nonostante si trovasse ai domiciliari per altri reati pregressi.

Le rapine sono avvenute nei messi di settembre e ottobre, il 40enne romano è stato fermato nei giorni scorsi dai poliziotti dei Falchi della Sesta sezione al termine di un’indagine sulle attività criminali della zona. L'attività d'indagine, avviata anche attraverso l'analisi dei sistemi di videosorveglianza, ha consentito agli investigatori della Squadra Mobile di ricondurre i vari episodi allo stesso uomo, descritto dalle vittime sempre con le stesse caratteristiche fisiche e che hanno fatto propendere verso un'ipotesi investigativa di serialitàRoma, pusher evade dai domiciliari e ruba uno scooter: arrestato dai carabinieri

Ad essere colpiti erano sempre gli stessi supermercati, rapinati più volte nel corso dei due mesi, così le indagini si sono focalizzate sui pregiudicati della zona. Il 40enne, che si trovava ai domiciliari, è stato prima tenuto sotto stretta osservazione da parte della polizia e, dopo l’ultima rapina, gli agenti lo hanno atteso sotto casa dove rientrava frettolosamente con il bottino fra le mani.

L'uomo ha ammesso la propria responsabilità, confermando di aver gettato durante la fuga gli abiti indossati e di aver commesso le varie rapine, violando la misura degli arresti domiciliari cui era sottoposto. È stato tratto in arresto per il reato di evasione e sottoposto a fermo di indiziato di delitto per le 11 rapineNapoli, ai domiciliari per droga evade per minacciare la ex: in carcere