16 apr 2022

Droga, controlli a tappeto a Roma: 22 arresti per spaccio

Un operatore ecologico nascondeva armi e droga in cantina, una coppia di fidanzati pusher tradita dall'odore di cannabis, un uomo stoccava la droga vicino a una scuola primaria

(DIRE) Bologna, 9 apr. - Tre arresti, 18 chili di hashish e 400 grammi di cocaina sequestrati. E' il risultato dei controlli anti droga della Squadra mobile di Bologna nei giorni scorsi. Il primo arresto, gioved
Operazione antidroga

Roma, 16 aprile 2022 – Arrestate per spaccio 22 persone, è il bilancio dell’ultima operazione antidroga andata in scena nella Capitale. Dall’operatore ecologico che nascondeva armi e droga in cantina alla giovane coppia di pusher del Colosseo e alla droga nascosta a due passi da una scuola primaria, nei giorni scorsi diversi spacciatori sono finiti nella rete della polizia uno dopo l’altro.

Gli agenti del Distretto San Basilio sono risaliti ad un 58enne romano, operatore ecologico, che deteneva nella sua abitazione e nella cantina di pertinenza, sostanza stupefacente che poi vendeva ai clienti abituali. Insieme alle unità cinofile, durante la perquisizione nell'appartamento, i poliziotti hanno trovato – all'interno di uno zaino che il 58enne aveva gettato dalla finestra – tre pistole, un caricatore e 16 cartucce. All'interno della cantina, invece, sono stati trovati e sequestrati oltre un chilo di cocaina e 1.500 grammi di hashish. Dopo la convalida, l'uomo è stato condotto in carcere.

Fidanzati pusher: arrestati

Gli investigatori del Commissariato Celio, a seguito di uno specifico servizio contro lo spaccio in zona Colosseo - Colle Oppio, hanno arrestato due ragazzi di origini italiane, un uomo e una donna, rispettivamente di 29 e 26 anni, entrambi gravemente indiziati dei reati di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. I due fidanzati, passeggiando lungo via Nicola Salvi, sono stati
traditi dal forte odore di cannabis emanato al loro passaggio. I poliziotti hanno quindi deciso di controllarli e questi, presi alla sprovvista, hanno reagito male, cercando di nascondere la sostanza che avevano indosso e opponendo resistenza al fermo.

Approfondisci:

Pasqua a Roma, controlli straordinari: 1000 carabinieri pattugliano la Capitale

La perquisizione domiciliare dell'appartamento dei due giovani si è dimostrata decisiva per il sequestro di una significativa quantità di sostanze stupefacenti: un chilo di hashish e cinque grammi di cocaina, tutte occultate all'interno dell'appartamento. In casa sono stati rinvenuti anche 1.600 euro in contanti e materiale per il confezionamento, oltre ad appunti con nomi e cifre riconducibili all'attività illecita. Sequestrato anche materiale per il confezionamento delle dosi e bilancini di precisione. Convalidato l'arresto per entrambi.

Droga nel reggiseno

Gli agenti della sezione volanti, invece, in via Gian Battista Scozza, hanno notato una donna che camminava e controllava i punti di accesso al vialetto e che nascondeva un involucro all'interno di un vaso. La donna, poco dopo, è stata vista cedere alcuni involucri dietro corrispettivo di denaro ad una cliente che nel frattempo le si era avvicinata. Intervenuti immediatamente, i poliziotti, hanno trovato, nascosti nel reggiseno della donna, tre involucri contenenti cocaina per circa 3,6 grammi e 40 euro in contanti. Dopo la convalida dell'arresto, la donna è stata trasferita ai domiciliari l'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Panetti di hashish: 1.500 dosi

Sempre in zona Casilino, i poliziotti hanno arrestato un 67enne e un 23enne, gravemente indiziati di detenzione ai fini di spaccio, in quanto trovati in possesso di 9,55 grammi di cocaina suddivisa in 44 dosi e 27 grammi di hashish, oltre a 430 euro in contanti. Gli agenti, dopo essere venuti a conoscenza che nell'abitazione di uno dei due, che si trova al primo piano di un palazzo in via dell'Archeologia, era occultata della sostanza stupefacente, hanno proceduto alla perquisizione. Per i due arrestati è stata disposta la misura dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Il personale del Commissariato Tuscolano, al termine di attività di indagine ha individuato un 60enne che deteneva nella propria abitazione, al Quadraro Vecchio, sostanza stupefacente ai fini di spaccio. Gli accertamenti hanno consentito di individuare il soggetto, con precedenti specifici. Durante la perquisizione nella sua abitazione, i poliziotti hanno sequestrato dell'hashish che avrebbe potuto far ricavare 1.500 dosi, nonchè materiale per il confezionamento delle dosi. Arrestato.

Droga a due passi dalla scuola primaria

Infine, gli agenti del commissariato San Paolo hanno arrestato un 47enne italiano accusato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. È da sottolineare come l'uomo fosse residente nell'ex stabile del custode nell'immediata vicinanza dell'Istituto Comprensivo Sandro Onofri, nel mezzo di un'area di passaggio di numerosi minorenni delle scuole elementari e medie. In particolare, il sospettato è stato fermato in strada dai poliziotti in possesso di 19 dosi di eroina. A seguito di perquisizione domiciliare sono stati sequestrati anche 2.150 euro in contanti e un'agenda con i dati dei clienti. L'arresto è stato quindi convalidato dal Tribunale Ordinario di Roma.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?