Le operazioni di recupero del 30enne
Le operazioni di recupero del 30enne

Roma, 30 luglio 2021 – É grave il 30enne di origine marocchina caduto questa notte dal parapetto di Ponte Sisto, spinto nel Tevere da due persone. L'uomo è precipitato dall'alto, colpendo la base di un pilastro, in una delle zone più gettonate dalla movida romana. È successo intorno alle 3 di stanotte. Ma, quella che all'inizio sembrava una caduta accidentale, nel corse delle ore ha assunto contorni inquietanti.

È stata la vittima a raccontare ai carabinieri della Compagnia di Trastevere come è andata e lo ha fatto dal letto dell'ospedale San Camillo, dove stanotte è stato ricoverato in codice rosso. Con quelle due persone aveva avuto una lite nei giorni scorsi per motivi da chiarire, poi stanotte il nuovo incontro. Mentre era seduto sul parapetto di Ponte Sisto la lite è degenerata ed è arrivata la spinta che lo ha fatto cadere nel vuoto. I due uomini sono attualmente ricercati.

Il 30enne è ricoverato per fratture multiple nella zona lombare, la sua prognosi è di 40 giorni. Non è in pericolo di vita. I Carabinieri sono sulle tracce dei due aggressori che si pensa abbiano le ore contate. Il racconto della vittima è servito a tracciare un primo identikit degli aggressori, ma i carabinieri stanno anche scandagliando le immagini delle telecamere di video sorveglianza della zona per avere un riscontro sulla loro identità e per monitorare il tragitto usato per la fuga.

Alle 3 la caduta, subito dopo è partito l'allarme al 118 probabilmente da qualche giovane che si trovava nei paraggi, essendo quella di Ponte Sisto una delle zone del divertimento notturno. Sul posto sono arrivati anche i Vigili del fuoco che hanno provveduto, tramite manovre speleologiche, a recuperare l'uomo per poi affidarlo al personale del 118 che lo ha trasportato all'ospedale San Camillo, in codice rosso.

Su Ponte Sisto sono intervenuti anche i Carabinieri di Trastevere che ora stanno ascoltando alcuni testimoni per tentare di ricostruire la dinamica dell'accaduto.

Ponte Marconi: salvata una 22enne caduta nel Tevere

É stata portata in salvo la 22enne che oggi si è gettata nel Tevere da Ponte Marconi: la ragazza è in stato di shock ed è stata trasportata con l'ambulanza all'ospedale San Camillo per le cure del caso. La giovabe è stata recuperata dalle acque dagli agenti della polizia di Stato, intervenuti con l'ausilio del Reparto tutela fluviale della Polizia locale di Roma Capitale.

Alle 13.50 di oggi circa sono giunte alla Sala operativa della Questura diverse segnalazioni per una donna in procinto di gettarsi nel fiume da Ponte Guglielmo Marconi. Sul posto sono giunti il Reparto Volanti e la Polizia Fluviale. La donna, che nel frattempo si era lanciata nelle acque del Tevere, è stata intercettata all'altezza del Ponte della Magliana, recuperata e tratta in salvo dalla Fluviale.