quotidiano nazionale
4 feb 2022

Covid Lazio 4 febbraio, i dati di oggi. D'amato: "Pillola antivirale, via al reclutamento"

Trendi in discesa con 1.715 i nuovi cas e un'incidenza sui tamponi al 10,9%. Sono 41 i decessi. Allo Spallanzani è arrivata la pillola antivirale Paxlovid. D'Amato: "Concentrare l'attenzione sulla fascia 40-49 anni, quella più numerosa per i non vaccinati".

4 feb 2022
featured image
Covid Lazio, i dati del 4 febbraio 2022
featured image
Covid Lazio, i dati del 4 febbraio 2022

Roma, 4 febbraio 2022 – “Arrivata allo Spallanzani la pillola antivirale Paxlovid, parte il reclutamento”. A comunicarlo è l'assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato, che attendeva la notizia da tempo. Trend in discesa anche nel Lazio, che oggi ha ricevuto l’attesa conferma: si resta in zona gialla.

Approfondisci:

Covid Lazio 5 febbraio, il bollettino di oggi. D'Amato: "Sono risultato positivo"

"Continua il trend in discesa dei casi su base settimanale", sottolinea D'Amato, aggiungendo che, con l’arrivo della "pillola antivirale paxlovid" allo Spallanzani, "bisogna concentrare l'attenzione sulla fascia di eta' 40-49 anni, ovvero quella più numerosa per i non vaccinati".

Covid Lazio, i dati del 4 febbraio 2022
Covid Lazio, i dati del 4 febbraio 2022

Gli ultimi dati 

Il Lazio è quindi una delle 12 regioni colorate di giallo, a mantenere la regione in equilibrio è la parabola discendente delle ultime settimane, lenta ma costante. Sono 11.715 i nuovi casi positivi riportati nel bollettino di oggi, dato sotto controllo con solo un lieve aumento di 103 casi rispetto a ieri. Il rapporto tra i positivi e i 107.420 tamponi processati è al 10,9%. Ecco la situazione nel resto d'Italia

Il dato di oggi comprende un recupero di 1.169 notifiche in ritardo a Latina. Restano alti i decessi, come sta accadendo anche un Veneto, oggi nel Lazio sono 41 i morti (+15), compreso il recupero di un decesso avvenuto nei giorni scorsi e registrato solo ieri.

In calo anche i ricoveri. Sono 2.077 i pazienti che si trovano nei reparti di area medica (-27), mentre nelle terapie intensive ci sono 196 persone (+4). Nelle ultime 24 ore, sono 14.605 i laziali guariti dal Covid. Sono 278.146 le persone attualmente positive – e quindi in isolamento in tutte le province – con uno scarto al ribasso di 2.931 casi in meno rispetto a ieri.

Approfondisci:

Covid, Agenas: "Cala al 16% l'occupazione delle terapie intensive"

Ad oggi sono 12 le regioni in zona gialla, 5 in arancione e 3 in bianca. Nel dettaglio: Valle d'Aosta, Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Abruzzo e Sicilia sono in zona arancione; Lombardia, province autonome di Trento e Bolzano, Veneto, Emilia Romagna, Liguria, Marche, Lazio, Puglia, Campania, Sardegna e Calabria in giallo; infine in zona bianca Umbria, Molise e Basilicata

La fotografia delle province

I casi nella sola Capitale sono a quota 4.931, a cui si aggiungono i 6.408 casi dell’area metropolitana, che portano a 11.339 i nuovi positivi nella zona di Roma. Nelle province si registrano 3.876 nuovi casi, così divisi: nella zona di Frosinone sono 748 i nuovi casi e 1 decesso nelle ultime 24 ore, a Latina ci sono 2.052 positivi e 1 decesso, a Rieti i casi sono 490 e nella provincia di Viterbo sono 586 con 2 decessi.

Monoclonali: a che punto è il Lazio

Calano le prescrizioni di anticorpi monoclonali contro il Covid-19 in Italia. Negli ultimi sette giorni monitorati dall'Agenzia italiana del farmaco Aifa, dal 27 gennaio al 2 febbraio, le richieste di farmaco sono state 2.659 contro le 3.199 della settimana precedente, con una media giornaliera in diminuzione del 16,15% (380 circa contro 453), per un totale di 44.232 a partire dal 10 marzo, quando questi medicinali sono stati autorizzati in via emergenziale in Italia. Sono 262, in continuo aumento, le strutture di 21 regioni o province autonome che hanno prescritto queste terapie.

È il quadro che emerge dal 44esimo report Aifa sul monitoraggio di questi farmaci. La maggior parte dei pazienti trattati (21.061) ha ricevuto la combinazione “casirivimab-imdevimab”, seguita dal mix “bamlanivimab-etesevimab” (17.199), mentre salgono da 3.499 a 5.149 le prescrizioni di “sotrovimab”, ritenuto efficace contro la variante Omicron di Sars-CoV-2. I pazienti trattati sono dunque 1.650 in più nel giro di sette giorni, la maggioranza di quelli per i quali sono state registrate le richieste di farmaco nell'ultima settimana. Ferme a quota 823 le prescrizioni di bamlanivimab da solo.

Dall'inizio del monitoraggio, in numeri assoluti è il
Veneto la regione per la quale si rileva il maggiore utilizzo di monoclonali con 7.753 pazienti trattati, seguito dal Lazio con 6.530 pazienti e dalla Toscana con 4.334, mentre agli ultimi posti ci sono provincia autonoma di Bolzano, e a salire Molise e provincia autonoma di Trento, rispettivamente a quota 96, 115 e 190 pazienti inseriti nel registro. Nell'ultima settimana analizzata, il numero più alto di prescrizioni è stato segnalato dal Veneto (519, -2,99% la media giornaliera rispetto alla settimana precedente), seguito dal Lazio (367, -18,44%) e dalle Marche (262, -11,49%).

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?