Bollettino Covid Lazio del 18 novembre 2021
Bollettino Covid Lazio del 18 novembre 2021

Roma, 18 novembre 2021 – Salgono ancora il numero delle persone contagiate dal Covid nel Lazio, dove oggi ci sono 13.649 positivi in tutte le province, di cui 687 ricoverati e tutti gli altri in isolamento domiciliare. “Il rapporto tra positivi e tamponi è al 2,4%", annuncia l’assessore regionale alla sanità, Alessio D’Amato. Su 45.308 tamponi esaminati, sono emersi 1.089 nuovi casi positivi. Ieri erano solo 944. Sono 6 i decessi avvenuti nelle ultime ore.

I casi a Roma città sono a quota 513. Ieri erano 13.040 i contagiati, oltre 600 in meno rispetto ai dati odierni. “La crescita sembra avere una lieve frenata, dimostrata dal leggero calo del valore Rt atteso a 1.17 rispetto all'1.3 della settimana precedente. Bisogna fare subito la dose di richiamo”, aggiunge D’Amato.

Nel conteggio dei ricoverati, ci sono 606 pazienti nei reparti di area medica (+9 rispetto ai dati di ieri) e 81 in terapia intensiva (+4 rispetto al bollettino di ieri). Sono invece 474 le persone risultate negative al tampone di controllo. Dall'inizio della pandemia, i guariti sono 386.136 e i morti 8.908, su un totale di 408.693 casi esaminati, secondo il bollettino aggiornato della Regione Lazio.

La situazione nelle province

Monitoraggio costante in tutte le province, dove oggi la situazione è in peggioramento ovunque. Nella città metropolitana di Roma sono 869 i nuovi casi emersi oggi, che vanno ad aggiungersi ai 97.046 contagi registrati in tutti i Comuni della zona dall’inizio della pandemia ad oggi. Si scende di molto, anche se rimane la seconda zona con più casi, la provincia di Latina che oggi vede 72 episodi di Covid che si aggiungono allo storico di 39.883 unità. A Frosinone ci sono altri 61 persone contagiate (34.939 i positivi dall’inizio della pandemia), mentre sono 58 a Viterbo (18.726 contagi in tutto) e 29 a Rieti che nel conteggio degli ultimi due anni sale a 12.033 casi.

Il Lazio si prepara al peggio

Il Lazio sta ampliando la rete dei posti letto Covid. Si arriverà, secondo quanto si apprende, a un massimo di 1.500 posti letto ordinari e 250 di terapia intensiva. Le varie strutture attiveranno i nuovi letti, nel caso in cui dovessero arrivare a saturazione, fino al massimale previsto. 

Zona gialla in Italia: oggi i dati decisivi. Le regioni a rischio e quando cambiano colore - Diecimila contagi Covid: rischio zona gialla. Incubo per ristoranti, cinema e disco

D’Amato: “I vaccini hanno evitato 2mila decessi”

"Non vi possono essere dubbi sull'importanza di fare velocemente l'intero ciclo vaccinale, compreso il richiamo”. Ne è convinto l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato, che fa il punto sulla situazione dei contagi, numeri alla mano. “Rispetto allo stesso giorno di un anno fa – ricorda –nel Lazio abbiamo 1.777 casi in meno, 2.459 ricoverati in meno in area medica e 241 ricoverati in meno in terapia intensiva. Grazie ai vaccini, evitati circa 2mila decessi nel Lazio negli ultimi sei mesi. E registriamo il 90% in meno dei decessi rispetto ad un anno fa”.

Nelle terapie intensive, aumentano i no-vax. “Il 75% di chi oggi è ricoverato in terapia intensiva, o non è vaccinato o non ha completato il percorso di vaccinazione", conferma l'assessore regionale. Nel Lazio, superate le 9 milioni di somministrazioni con il 93,6% di adulti in doppia dose e 87,7% degli over 12 in doppia dose.

Open day booster

Open day booster per gli over 60 a Roma domenica 21 e domenica 28 novembre. Lo ha annunciato l'assessore regionale D'Amato: "Si terrà domenica 21 novembre e domenica 28 novembre (orario 8-13) presso l'ospedale San Giovanni Addolorata di Roma l'open day per le somministrazioni delle dosi booster rivolte agli over 60 anni che abbiano i 180 giorni da ultima dose. Basta recarsi all'hub muniti di tessera sanitaria", spiega.