Roma, 11 agosto 2021 – Sono 645 i nuovi casi di contagio in tutto il Lazio, 255 a Roma città. Tre i decessi, due più di ieri. Su tutto il territorio regionale sono 16.312 le persone attualmente positive, di cui 463 ricoverati, 22 unità in più rispetto a ieri, 65 sono invece i pazienti entrati oggi in terapia intensiva, due in più di ieri, e 15.784 le persone in isolamento domiciliare. Dall'inizio della pandemia, nel Lazio i guariti sono stati 340.049 e i morti 8.429, su un totale di 364.790 casi esaminati, secondo il bollettino aggiornato della Regione Lazio.

Nelle province si registrano 134 nuovi casi, si legge nella nota regionale. Dopo la Capitale, il territorio più colpito è quello della Asl di Latina con 54 nuovi casi, seguita da Frosinone con 40 nuovi contagi, Viterbo con 25 persone contagiate e Rieti ferma a quota 15. A Roma, la zona osservata speciale è quella di Roma 6 con 100 nuovi casi, in isolamento domiciliare o segnalati dop aver un contatto stretto con una persona positiva.

Riparte il centro prenotazioni

L'assessore regionale D'Amato ha annunciato oggi la ripartenza delle prenotazioni con il portale LazioCrea, dopo l'attacco hacker che una decina di giorni fa ha mandato in tilt i portali sanitari regionali. “Ripartito il servizio Cup e Recup e prenotazione call center per le Asl Roma 1, Roma 2, Roma 4, Rieti, Viterbo, azienda ospedaliera Sant'Andrea, Policlinico Umberto I, Policlinico Tor Vergata, azienda ospedaliera San Camillo - Forlanini, IFO - Regina Elena”, fa sapere l'assessore alla Sanità del Lazio, Alessio Amato.

Raggi: "Con l'attacco, perse prenotazioni e fatture"

La giornata di oggi è diventata rovente con il fuoco incrociato tra la sindaca di Roma e i vertici della Regione. Al cento delle accuse, la perdita di prenotazioni di visite medichefatture dei pazienti. “Qualche giorno fa c'è stato un attacco hacker, noi abbiamo perso tutte le prenotazioni per le visite, e già con il Covid le file per le visite si erano allungate, penso anche ai pazienti oncologici e parliamo di cose gravi, e soprattutto pare che siano andate perdute anche le fatture dei fornitori. Queste sono le cose che mi preoccupano'', dice preoccupata la sindaca Virginia Raggi.

Secca, però, la replica della Regione: “Dichiarazioni irresponsabili al limite del procurato allarme. Sono totalmente false e prive di fondamento le dichiarazioni della sindaca Raggi in merito a fatture e visite saltate a causa dell'attacco hacker che ha colpito la Regione
Lazio”, rispondono dai vertici regionali.

Covid Italia oggi: i contagi dell'11 agosto. Bollettino Coronavirus e dati dalle regioni

Zona gialla più vicina: 14 regioni sopra il limite dell'incidenza. Ricoveri: i nuovi dati