quotidiano nazionale
3 mar 2022

Roma, corruzione: misure cautelari per imprenditori e funzionari del Miur 

Nuova ordinanza per Bianchi di Castelbianco, l'inchiesta nell’ambito del processo per presunte tangenti. Sei arresti domiciliari e una misura interdittiva dalla professione

3 mar 2022
Guardia di Finanza
Guardia di Finanza
Guardia di Finanza
Guardia di Finanza

Roma, 3 maro 2022 - Nuova misura cautelare per l'imprenditore Federico Bianchi di Castelbianco, ai domiciliari del settembre del 2021, nell'ambito dell'indagine per presunti episodi di corruzione al Ministero dell'Istruzione. Sette misure cautelari: 6 persone ai domiciliari e una interdittiva, tra cui tre dipendenti del ministero dell'Istruzione (Miur) "Sulla base del quadro accusatorio delineatosi nel corso delle indagini preliminari - spiega una nota della Guardia di Finanza - l'imprenditore avrebbe potuto contare sulla collaborazione fornita dai dipendenti del Ministero dell'istruzione, secondo uno schema di scambio di interessi tradotti in vantaggi economici e utilità per pubblici dipendenti". In base all'accusa l'imprenditore "sarebbe stato in grado di conoscere anticipatamente i contenuti dei bandi per il finanziamento di progetti scolastici apportandone le modifiche necessarie per favorire le sue società e avrebbe partecipato a riunioni strategiche presso il Ministero dell'Istruzione per concordare la distribuzione dei finanziamenti destinati ad alcuni istituti scolastici".  In questo quadro due soggetti dipendenti dell'imprenditore, oggi finiti agli arresti domiciliari, avrebbero "contribuito alla predisposizione del contenuto dei bandi di gara anticipati in modo che potessero essere agevolmente aggiudicati - è detto nella nota - agli enti riconducibili a Castelbianco e, nel contempo, avrebbero partecipato consapevolmente alla dazione delle utilità in favore dei pubblici ufficiali, occupandosi delle modalità operative per l'assunzione o il conferimento di incarichi e per i pagamenti delle spese richieste o sostenute per conto dei pubblici ufficiali".  Tra gli arrestati anche un imprenditore di origini campane, titolare di una ditta individuale con sede a Marcianise (Ce), "che avrebbe emesso fatture per operazioni inesistenti allo scopo di fornire una giustificazione contabile al denaro in uscita dalle società dell'imprenditore romano destinato, in realtà, a coprire le spese sostenute in favore del Capo Dipartimento".  Per quanto concerne i tre dipendenti del Ministero dell'Istruzione il dirigente, ora in pensione, "avrebbe percepito utilità consistenti nel ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?