Sgombero case occupate dai clan a Tor Bella Monaca
Sgombero case occupate dai clan a Tor Bella Monaca

Roma, 27 settembre 2021 – Blitz nelle case popolari di Tor Bella Monaca, droga e allacciamento abusivi nel mirino dei controlli. Dopo i 15 arresti per droga effettuato ieri dai carabinieri, con un controllo a tappeto partito da Tor Bella Monaca e San Basilio fino a Centocelle e l’Eur, denunciati quattro inquilini che usavano abusivamente l’elettricità condominiale con un allaccio abusivo.

I militari della stazione della zona, insieme al personale delle società Areti e Ater, hanno eseguito un controllo degli occupanti delle case popolari in via Amico Aspertini e via Giovanni Battista Scozza e dei relativi allacci alle reti di distribuzione di luce. I quattro inquini denunciati, in concorso tra loro, si impossessavano di energia elettrica mediante un allaccio abusivo al misuratore condominiale di proprietà di Ater Roma. Gli allacci sono subito stati interrotti e le utenze sono state staccate. Tra i denunciati, cittadini romani tutti noti alle forze dell'ordine, anche un 44enne e un 23enne già sottoposti agli arresti domiciliari per reati di droga e una 41enne alla quale era stato imposto l'obbligo di presentazione in caserma. Nei loro confronti è scattata la denuncia per furto aggravato in concorso e la richiesta di aggravamento delle misure cautelari in corso. Roma, blitz nelle case occupate dai clan a Tor Bella Monaca

Il blitz antidroga: un fine settimana “rovente”

Nel fine settimana, i carabinieri del comando provinciale di Roma hanno eseguito numerosi controlli antidroga con mirati blitz nelle periferie della Capitale. Il bilancio delle attività è di 15 persone arrestate e centinaia di dosi di droga sequestrate. I carabinieri del nucleo operativo della compagnia Montesacro hanno arrestato un 41enne romano sorpreso a cedere, a tre diversi acquirenti, dosi di cocaina in via Recanati a San Basilio. L'uomo è stato bloccato e trovato in possesso di ulteriori dosi di cocaina e 3,5 grammi di hashish, oltre che 170 euro in contanti mentre gli acquirenti sono stati identificati e segnalati all'Ufficio Territoriale del Governo di Roma, quali assuntori.

Ecco alcuni degli arresti. In zona Quarticciolo, arrestate 4 persone, due sorprese a spacciare droga e due che fungevano da '”vedetta”. Si tratta di romani già noti per precedenti reati inerenti gli stupefacenti. Due di loro sono stati bloccati in via Manfredonia dove uno di loro stava cedendo dosi di cocaina ad un giovane, mentre l'altro era a controllo della zona, posizionato poco distante tra le auto in sosta. I carabinieri li hanno bloccati e hanno recuperato anche le dosi di cocaina che avevano occultato all'interno di un cestino dei rifiuti lungo la via. Sequestrate in totale 9 dosi di cocaina e 220 euro. Sempre in via Manfredonia, poco dopo, gli stessi carabinieri hanno bloccato gli altri due mentre cedevano dosi di cocaina ad un acquirente. I militari hanno notato uno di loro che controllava dall'angolo della via i movimenti del complice, il quale ha prelevato gli involucri di droga da un foro al margine del marciapiede. I due complici sono stati immediatamente bloccati e tutta la droga è stata sequestrata. In totale sono state rinvenute 32 dosi di cocaina. Gli arrestati sono stati trattenuti in caserma, all'interno delle camere di sicurezza, in attesa del rito direttissimo.

In via Aldo Buzzi, arrestato un 32enne romano bloccato appena dopo aver ceduto alcune dosi di cocaina ad un cliente 30enne. Nell'auto del 32enne, parcheggiata poco distante, i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato 31 dosi della stessa droga. L'arrestato è stato sottoposto agli arresti domiciliari. I carabinieri di Centocelle hanno arrestato un 23enne romano, già sottoposto a detenzione domiciliare che, durante un controllo per verificare la sua presenza nell'abitazione in via delle Campanule, è stato trovato in possesso di un pezzo di hashish del peso di 19 grammi, oltre che di materiale per il confezionamento e un coltello con lama intrisa di stupefacente.

È finito in manette anche un 51enne originario della provincia di Oristano, ma residente a Roma, già sottoposto alla misura della presentazione in caserma per precedenti reati, che, fermato per un controllo in via Santa Rita da Cascia, è stato trovato in possesso di 8 dosi di cocaina e 200 euro, ritenuti provento di attività illecita. Gli stessi militari hanno arrestato un 42enne romano in esecuzione di un'ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere, emessa in data 24 settembre 2021 dall'Ufficio di Sorveglianza di Roma. La misura cautelare scaturisce a seguito delle continue violazioni degli arresti domiciliari a cui l'uomo era già sottoposto per reati di droga e accertate dai Carabinieri. Il 42enne è stato prelevato dalla sua abitazione in via dell'Archeologia e portato nel carcere di Rieti.

Sempre in via dell'Archeologia, i carabinieri della sezione operativa della compagnia di Frascati hanno arrestato un 17enne di Marino bloccato all'interno di una nota piazza di spaccio. La successiva perquisizione personale eseguita dai militari ha permesso di rinvenire 16 dosi di cocaina e 95 euro che nascondeva nelle tasche della tuta. Il minore è stato accompagnato presso il Centro di Prima Accoglienza Minori di Roma in attesa del rito direttissimo. Roma spaccio, 14 arresti in poche ore. Fra i fermati una mamma pusher