Roberto Gualtieri
Roberto Gualtieri

Roma, 11 maggio 2021 - Un emozionato Roberto Gualtieri è intervenuto alla direzione romana del Partito Democratico per commentare la sua candidatura a sindaco della Capitale. “Ringrazio tutti voi e in particolare Enrico Letta e Nicola Zingaretti - sono state le parole dell’ex Ministro dell’Economia e delle Finanze nel governo Conte bis-. Lanciamo la sfida più importante e sono consapevole dell'enorme responsabilità che ricade sulle mie spalle. Ci rivolgeremo a tutti i romani e saremo uniti, solidali, inclusivi. Saremo una grande squadra, unita, in cui il Noi viene prima dell'Io". 

“Roma ha bisogno di un cambiamento”

Gualtieri ha proseguito il suo intervento sottolineando che “Roma ha bisogno di un grande progetto di cambiamento e trasformazione della città che guardi lontano. Dobbiamo essere l'amministrazione che garantisce buona occupazione e coesione sociale".

“Irreale che io non vada al ballottaggio”

Il candidato sindaco dei Dem in serata è stato anche ospite della giornalista Lilli Gruber a ‘Otto e mezzo’, su La7. Durante la trasmissione non ha risparmiato strali all’attuale amministrazione capitolina, guidata dalla sindaca Virginia Raggi. “È naturale che un sindaco uscente voglia ricandidarsi, ma siamo convinti di poter arrivare al ballottaggio e chiederemo agli elettori della Raggi di sostenerci nella battaglia contro la destra e per cambiare Roma, perché deve cambiare pagina”, sono state le parole di Gualtieri. 

E ancora “Noi abbiamo un giudizio molto negativo in questi anni di gestione Raggi di Roma ed è perfettamente compatibile il voler combattere una battaglia civile e seria sulla Capitale e contemporaneamente continuare in un'alleanza al governo come abbiamo fatto con Conte. Che io non vada al ballottaggio, è un periodo ipotetico dell'irrealtà”, ha concluso. 

Dopo aver ringraziato ancora una volta il presidente del Lazio, Nicola Zingaretti per aver fatto “una scelta di grande responsabilità istituzionale, sarebbe stato un candidato per Roma molto forte ma ha scelto di continuare il suo lavoro”, Gualtieri ha rivelato quale sarebbero le sue prime iniziative da sindaco, qualora fosse eletto. “Chiamare subito un tavolo con il Governo per il Giubileo del 2025, e spendere i soldi del Recovery Fund, perché nel piano ci sono molte risorse per le città che sapranno presentare progetti seri e credibili”.