26 ago 2021

Truffe e rapine ai Castelli Romani, in manette banda di criminali in trasferta da Napoli

I rapinatori arrivavano quotidianamente da Napoli in trasferta nel Lazio, dove si fingenvano venditori ambulanti per raggirare gli anziani e mettere a segno le rapine. Sono stati fermati all'imbocco dell'austrada 

(DIRE) Roma, 25 ago. - Continua l'azione di contrasto ai furti da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale di Roma, in questi ultimi giorni di agosto. Nelle ultime ore i Carabinieri hanno infatti arrestato 5 ladri, sorpresi a rubare in una abitazione privata e in negozi del centro di Roma. Due cittadini lituani di 45 e 46 anni sono stati arrestati dai Carabinieri della Stazione di Roma Prima Porta dopo averli sorpresi in via Barbarano Romano subito dopo aver forzato la porta di ingresso di un appartamento in cui si erano introdotti. I due sono stati intercettati nei pressi dell'appartamento a bordo di un'autovettura presa a noleggio. Gli arrestati sono stati trattenuti presso le camere di sicurezza in attesa dell'udienza di convalida presso le aule di Piazzale Clodio. Due cittadini cubani, di 34 e 31 anni sono stati invece arrestati dai Carabinieri del Comando di Roma Piazza Venezia per furto in un negozio della Galleria Alberto Sordi. I due, notati aggirarsi per le vie del centro con fare sospetto, sono stati seguiti, osservazione e pedinati da una pattuglia di Carabinieri in borghese e quando sono stati visti uscire dalla galleria li hanno bloccati. Erano riusciti a rubare due casse audio bluetooth, dopo averne danneggiato la confezione e rimosso il dispositivo antitaccheggio. Entrambi sono stati trattenuti in caserma in attesa del rito direttissimo. All'interno della Stazione di Roma Termini, i Carabinieri del Nucleo Scalo Termini hanno arrestato in flagranza di reato un cittadino etiope di 27 anni che aveva appena rubato da un esercizio commerciale una confezione di profumo e un costume da bagno, dopo averne rimosso le placche antitaccheggio. I militari, prontamente intervenuti, su segnalazione di un addetto alla vigilanza del negozio, hanno recuperato la refurtiva, occultata all'interno di uno zaino in uso al ladro, unitamente ad un coltellino svizzero, verosimilmente utilizzato per rimuovere dispositivi antitaccheggio. La refurtiva recuperata e stata restituita al legittimo proprietario. L'arrestato
Carabinieri (foto d'archivio)

Velletri (Roma), 26 agosto 2021 – Rapine nei centri commerciali, truffe e furti a danni degli anziani nella zona dei Castelli Romani, dove si spacciavano per venditori di frutta per accalappiare le vittime. Sono stati arrestati all’imbocco dell’autostrada due “trasfertisti del crimine”, una coppia di malviventi che agivano indisturbati nella zona tra Roma e Napoli, spostandosi a bordo si un Doblò. L’allarme, quello decisivo che ha poi portato al loro arresto, è stato lanciato ieri da una coppia di anziani, vittime dell’ennesima rapina dei due furfanti.

I due anziani sono stati avvicinati dai rapinatori nel parcheggio di un negozio di alimentari: li hanno agganciati con una scusa e, in una manciata di secondi, sono scappati con i soldi e i documenti delle vittime. I militari, dopo essere stati allertati dalla centrale operativa, sono arrivati nel parcheggio antistante per soccorrere i due anziani, marito e moglie, in evidente stato di agitazione. I due hanno subito raccontati di essere stati avvicinati, poco prima, da due uomini italiani tra i quaranta e i cinquant'anni, muniti di un furgone Fiat Doblò di colore bianco, e di essere stati rapinati di un borsello con soldi e documenti, strappato dalle mani del marito. I due anziani, che inzialmente avevano tentato di riprendersi quanto ingiustamente sottrattogli, sono stati strattonati e spintonati dai malviventi, che si sono poi dileguati a bordo del loro furgone.

Scappati con la refurtiva, pronti per dirigersi nuovamente nella provincia di Napoli dalla quale provenivano, i due sono stati fermati dai carabinieri della Stazione di Carpineto Romano, all'altezza del casello autostradale di Valmontone. Entrambi sono stati arrestati con l'accusa di rapina impropria e condotti presso la casa circondariale di Velletri.

I precedenti: truffe agli anziani nella zona dei Castelli

Dai primi accertamenti effettuati, è emerso che i due arrestati avevano avviato un vero e proprio giro di truffe e furti ai danni di anziani nella zona dei Castelli Romani: i malcapitati di turno, attirati da un furgone a bordo del quale veniva simulata un'attività di vendita di frutta e verdura a prezzi vantaggiosi, venivano poi raggirati e derubati nel corso della compravendita. Una vera e propria attività criminosa itinerante attraverso la quale, quotidianamente, i criminali partivano da Napoli per riversarsi nei territori ai confini della provincia di Roma per derubare soggetti anziani e, quindi, con evidenti difficoltà a difendersi. I carabinieri della compagnia di Velletri, sulla base di quanto accaduto, stanno tutt'ora sviluppando un’articolata attività investigativa per meglio definire le responsabilità in capo ai due arrestati.

Napoli, finto nipote tenta truffa a due anziani che lo incastrano 
Napoli, truffava anziani: sequestrati a 50enne beni per 1,5 milioni di euro

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?