Il Boeing KC767 dell'Aeronautica Militare proveniente dal Kuwait con 202 afghani evacuati ieri da Kabul con due C130, � atterrato alle 12.40 all'aeroporto di Fiumicino, 19 agosto 2021.
ANSA/ US/ DIFESA
+++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++
Il Boeing KC767 dell'Aeronautica Militare proveniente dal Kuwait con 202 afghani evacuati ieri da Kabul con due C130, � atterrato alle 12.40 all'aeroporto di Fiumicino, 19 agosto 2021. ANSA/ US/ DIFESA +++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++

Roma, 19 agosto 2021 – La Capitale al fianco di studenti e artisti afghani, convocato un tavolo istituzionale per dare il via a borse di studio per i profughi in arrivo. “Le immagini e i racconti di paura e terrore che arrivano dall'Afghanistan non possono lasciarci indifferenti. Anche Roma Capitale farà la sua parte per aiutare le persone che avranno bisogno di supporto e sostegno'', fa sapere Lorenza Fruci, assessora alla Crescita Culturale di Roma.

Stamattina sono atterrati a Fiumicino 203 profughi – tra loro anche l'attivista per i diritti delle donne Zahra Ahmadi e le ricercatrici della Fondazione Veronesi – mentre ieri la Farnesina ha portato in Italia, attraverso lo scalo romano, altri altri 98 afghani. ''Ogni guerra politica è prima di tutto culturale – continua Lorenza Fruci – e, come Assessorato alla Crescita Culturale, abbiamo convocato un tavolo con le istituzioni culturali capitoline e le istituzioni Afam cittadine per sviluppare progetti che prevedano borse di studio e sussidi per studentesse, studenti e giovani artisti”.

Tra gli enti che hanno risposto all'appello del Comune di Roma, anche l'Accademia di Belle Arti. “Ringrazio l'Accademia delle Belle Arti di Roma per aver repentinamente accolto l'invito della sindaca Virginia Raggi a collaborare per la tutela dei diritti della popolazione afghana. Il primo passo verso la libertà è sempre attraverso lo studio, il sapere e la cultura".