9 apr 2022

Covid oggi nel Lazio, il bollettino del 9 aprile: 7.255 contagi, 3.689 a Roma città 

Lieve aumento dei casi. Al via"Aiutamente", D'Amato: "Lo psicologo dell'emergenza inserito nel Sistema Sanitario Regionale". Dopo Pasqua i bandi per il bonus 

Tamponi Covid (immagini di repertorio)
Tamponi Covid (immagini di repertorio)

Roma, 9 aprile 2022 - Contagi ancora in aumento nel Lazio, oggi su 8.562 tamponi molecolari e 38.189 tamponi antigenici per un totale di 46.751 tamponi, si registrano 7.255 nuovi casi positivi (+406, qui i dati di ieri 8 aprile 2022), sono 4 i decessi (-4), 1.115 i ricoverati (-49), 71 le terapie intensive (-1) e +6.850 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 15,5%. I casi a Roma città sono a quota 3.689 (ieri 3.628).

Approfondisci:

Bollettino Covid oggi: contagi in Italia del 9 aprile. I dati dalle regioni

Approfondisci:

Fine green pass e mascherine: le previsioni Covid col termine delle restrizioni

Approfondisci:

Quarta dose vaccino: ok in Italia. Per chi e quando è indicato il richiamo anti-Covid

La mappa dei contagi

Questo il dettaglio della diffusione delle infezioni e dei decessi vista dalle singole aziende sanitarie locali. Asl Roma 1: sono 1.234 i nuovi casi e 0 i decessi nelle ultime 24h. Asl Roma 2: sono 1.357 i nuovi casi e 0 i decessi. Asl Roma 3: sono 1.098 i nuovi casi e 0 i decessi. Asl Roma 4: sono 475 i nuovi casi. Asl Roma 5: sono 660 i nuovi casi e 1. Asl Roma 6: sono 670 i nuovi casi e 1 decesso. 
Nelle province si registrano 1.761 nuovi casi, il dettaglio: Asl di Frosinone sono 607 i nuovi casi e 2 i decessi nelle ultime 24h.  Asl di Latina: sono 655 i nuovi casi e 0 i decessi nelle ultime 24h. Asl di Rieti: sono 133 i nuovi casi e 0 i decessi.  Asl di Viterbo: sono 366 i nuovi casi nelle ultime 24h. 

Al via "Aiutamente", bandi dopo Pasqua

Una delle conseguenze della pandemia è stata quella di rivelare il fondamentale contributo degli psicologi nella gestione delle emergenze. Un'esigenza rispetto alla quale la Regione Lazio si è mossa prontamente, con la predisposizione di un servizio all'Ares 118 concepito in collaborazione con l'Ordine degli Psicologi. 

È possibile immaginare di rendere strutturali questi servizi, in modo da attivarli rapidamente in contesti critici? "Quello attivato con il 118 è stato un intervento essenziale di supporto ai cittadini in un momento in cui la pandemia aveva un impatto molto forte sulla cittadinanza", ha spiegato l'assessore alla Sanità Alessio D`Amato, "ma già in precedenza avevamo avuto l'emergenza sisma e, dopo il Covid, siamo stati travolti dalla questione dei rifugiati. Credo perciò che la figura dello psicologo dell'emergenza debba stabilmente entrare a far parte del Sistema Sanitario Regionale. E mi auguro che la nostra esperienza possa essere di stimolo verso il governo nazionale,  affinché promuova il reclutamento di questa e altre figure". 

La conversazione tra il presidente dell'Ordine Psicologi Lazio e l`assessore alla Sanità regionale si è conclusa affrontando un altro tema centrale nelle cronache degli ultimi tempi, quello delle problematiche connesse ai disturbi alimentari. 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?