Roma, 10 gennaio 2022 - Lazio verso il cambio di colore. "Zona arancione? Al momento no, ma non possiamo escluderlo, dipende sempre dall'incidenza dei contagi e dalla capacità di vaccinare. Nel Lazio con le somministrazioni siamo sempre sopra i target nazionali. Sono riprese in maniera importante le prime dosi: oltre 7.500 prime dosi. Questi sono segnali incoraggianti". Così l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato, oggi 10 gennaio a margine della visita del presidente Nicola Zingaretti e della ministra tedesca degli Affari Esteri, Annalena Baerbock all'hub vaccinale del Parco della Musica, rispondendo in merito all'eventualità di un passaggio del Lazio in zona arancione.

Draghi, la conferenza stampa. Dalla scuola al super Green pass: cosa ha detto il premier - Covid oggi: in Italia ricoveri in aumento. Bollettino 10 gennaio 2022 e dati dalle regioni - Roma rientro a scuola, Costarelli: "17.500 studenti e 10mila docenti assenti nel Lazio"

Il bollettino del 10 gennaio

Il picco dei casi nel Lazio è previsto nella terza settimana di gennaio, spiega  D'amato. E oggi i dati sul covid sindicano che "su 17.603 tamponi molecolari e 43.315 tamponi antigenici per un totale di 60.918 tamponi" si registrano "9.440 nuovi casi positivi (-3.388), 19 decessi (+17), 1.518 ricoverati (+72), 197 terapie intensive (+3) e +1.630 i guariti". Come spiega l'assessore D'Amato, "il rapporto tra positivi e tamponi è al 15,4%, mentre i casi a Roma sono 4.174". 

Bollettino Covid Lazio, 10 gennaio 2022

La mappa dei contagi

A Roma città sono in totale 4.174 i nuovi casi, nel dettaglio: all'Asl Roma 1 sono 1.402 i nuovi positivi, all’Asl Roma 2 sono 2.105 e all’Asl Roma 3 sono 667i nuovi casi.

Nella provincia romana sono 3.539 i nuovi positivi, il dettaglio: all’Asl Roma 4, sono 958 i nuovi casi, alla Asl Roma 5 dove sono 872 i nuovi positivi delle ultime 24 ore, balzo all’Asl Roma 6 con 1.709 casi. L’intera area della città Metropolitana romana conta in totale 7.713 i nuovi positivi al coronavirus.

Dopo il fine settimana nelle province laziali calano i contagi e i tamponi, nelle ultime 24 ore si registrano 1.727 (-2.935) nuovi positivi, così distribuiti: Asl di Frosinone 326 nuovi casi; Asl di Latina la più colpita con 835 nuovi positivi; all’Asl di Rieti sono 255 i nuovi casi; all’Asl di Viterbo 311.

Sale il numero delle persone in isolamento domiciliare

Sono 171.761 (+7.270) le persone attualmente positive a Covid-19 nel Lazio (qui i dati di ieri 9 gennaio), di cui 1.518 (+72) ricoverati nei reparti ordinari 197 (+3) in terapia intensiva e 170.046 in isolamento domiciliare (+7.185). Dall'inizio dell'epidemia i guariti sono 439.004 (+ 2.151) e i morti 9.380 (+19) su un totale di 620.145 casi esaminati, secondo il bollettino aggiornato al 10 gennaio della Regione Lazio.

La ministra degli Esteri tedesca all'hub vaccinale del Parco della Musica

"L'invito ancora una volta è a vaccinarvi. Dal profondo del cuore io lo ribadisco: vaccinatevi e vaccinate i vostri bambini. Dobbiamo vaccinarci tutti perché non ci sono alternative e la storia dimostra che con le vaccinazioni il male scompare". Così il presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti, al termine della visita insieme alla ministra degli Esteri tedesca, Annalena Baerbock, all'hub vaccinale del Parco della Musica a Roma. "Vaccinarsi - ha spiegato Zingaretti - è il modo per non intasare gli ospedali" e non vaccinarsi "è un atto anche un po' di egoismo: così si danneggia se stessi e si danneggiano gli altri".

E Zingaretti ha parlato del coronavirus e della campagna vaccinale del Lazio con la ministra tedesca accompagnata nel sopralluogo all'hub dell'Auditorium anche dall'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato.

Baerbock ha avuto parole di elogio per quanto fatto nel Lazio sul fronte dei vaccini. "Sono felice di aver visitato questo hub vaccinale per noi è molto importante imparare e capire come avete fatto a raggiungere un tasso di vaccinazione così elevato e per farlo è necessario venire sul posto" ha detto al termine della visita ringraziando il personale sanitario che da oltre due anni lavora impegnandosi nella lotta al Covid.