Carabinieri
Carabinieri

Roma, 27 settembre 2021 – Baby rapinatori finiti nella rete della giustizia, ad incastrarli sono state le telecamere di videosorveglianza dei negozi assaltati. Quattro i minori arrestati, uno di loro aveva ancora in casa il coltello da cucina usato per minacciare i commessi di tre supermercati del centro. Gli altri tre agivano insieme, pianificando i colpi come una vera e propria baby gang. Roma, rapina minimarket e oppone resistenza all'arresto: feriti agenti e negoziante

Tre rapine effettuate in alcuni supermercati del centro storico hanno dato avvio alle indagini, che hanno portato gli agenti del commissariato Viminale sulle tracce del primo arrestato. I fatti risalgono a luglio e settembre. Dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza, gli investigatori hanno ricostruito l’identikit del ragazzo – dalla corporatura e dall’abbigliamento – e l'arma usata, un coltello. Associando le immagini con le informazioni contenute nella banca dati in uso alla polizia, gli agenti sono riusciti ad individuare l'abitazione del giovane dove hanno trovato un coltello da cucina con una lama da 13 cm e gli indumenti utilizzati nel corso delle rapine. Il minore, al termine degli accertamenti, è stato sottoposto a fermo e associato al centro di prima accoglienza Virginia Agnelli. Roma, rapina un tabaccaio armato di spranga: arrestato dai carabinieri

Stessa sorte è toccata ai tre giovani, anche loro minori, che nella notte scorsa hanno rapinato un cittadino romeno, a piazza Giochi Delfici, di cellulare, orologio e portatessere. La vittima, rivoltasi agli investigatori, ha raccontato loro di esser stato aggredito alle spalle, colpito con calci e pugni e poi rapinato. Raccolte le descrizioni dei ragazzi, gli agenti hanno avviato immediatamente l'attività investigativa e, grazie alla geo localizzazione del telefono cellulare appena rubato, sono riusciti a rintracciarli sulla via Flaminia. Alla vista degli agenti, i tre minorenni hanno iniziato a fare dei gesti sospetti vicino a un vaso, all'interno del quale stavano nascondendo proprio il cellulare.
Il resto della refurtiva è stata restituita successivamente. La vittima, che ha riportato una ferita lacero contusa sull'occhio e sull'arcata sopraccigliare sinistra, oltre che diverse escoriazioni sul braccio e sulle mani, è stata trasportata in ospedale per le necessarie cure. Roma, l'arresto di due rapinatori di banca per strada, scene da film