La sindaca di Roma, Virginia Raggi, con l'ex presidente del Consiglio, Giuseppe Conte
La sindaca di Roma, Virginia Raggi, con l'ex presidente del Consiglio, Giuseppe Conte

Roma, 3 settembre 2021 – Intimidazioni contro la palestra della legalità, la serranda del locale è stata bloccata nella notte con colla e silicone. È accaduto questa notte nei locali comunali di via Tranfo, a San Basilio, un’ex base di spaccio destinata a diventare un luogo di socialità per il quartiere. È un chiaro segnale che il progetto della palestra della legalità – avviato dall’amministrazione Raggi insieme alle Fiamme Oro, il gruppo sportivo della polizia di Stato – non è gradito da chi vorrebbe che quella zona rimanesse in mano alla criminalitàRoma, spari contro la villa del boss dei "Narcos del Trullo": forse un avvertimento

Nella notte, a quanto si apprende, ignoti hanno sigillato con la colla ed il silicone le serrande dei locali. La tempistica non è stata scelta a caso. Questa mattina, infatti, proprio in quel quartiere della periferia romana sono attesi in visita per la presentazione della lista M5s la sindaca Virginia Raggi e il leader del Movimento Giuseppe Conte. Proprio la Raggi ha fatto della riqualificazione dei locali di via Tranfo, per anni occupati ed usati come punto di spaccio di sostanze stupefacenti, uno dei simboli del rilancio della zona nel segno della legalità. Torre Annunziata, esplode una bomba carta davanti a un portone: si teme un'intimidazione

Le reazioni a caldo: “Non ci spaventa, avanti con coraggio”

La prima a intervenire sulle intimidazioni di San Basilio è la senatrice pentastellata Giulia Lupo, che annuncia senza mezzi termini: “L'atto intimidatorio non ci spaventa”. A preoccupare le forze dell’ordine, infatti, è la concomitanza delle intimidazioni con la visita nel quartiere, attesa per oggi, della sindaca Virginia Raggi e dell’ex presidente del consiglio, Giuseppe Conte. Ma Giulia Lupo mostra sicurezza in vista di una campagna elettorale che si preannuncia difficile. “Semmai è il contrario: è esattamente il segnale della paura di alcuni che il percorso di legalità e di attenzione verso le periferie della città intrapreso da Virginia Raggi e dalla sua squadra possa proseguire. Oggi, come abbiamo fatto in tutti questi cinque anni, saremo a San Basilio ad affermare con forza che indietro non si torna e che la strada intrapresa non si può interrompere. A Roma non c'è spazio per la criminalità, per la prepotenza e per il sopruso. Andiamo avanti con coraggio”.