Droga sequestrata dai carabinieri di Roma
Droga sequestrata dai carabinieri di Roma

Roma, 21 agosto 2021 - Gli arresti eseguiti nei giorni scorsi dai Carabinieri in varie zone della Capitale e della Provincia hanno dimostrato come lo spaccio di droga non conosca soste, nemmeno nel periodo estivo e così proseguono spediti anche i mirati servizi di controllo dei militari, finalizzati ad arginare lo smercio e il traffico di sostanze stupefacenti lungo le strade di Roma. 
Ieri, 2 arresti sono stati messi a segno nella zona di Tor Bella Monaca. I militari hanno fatto scattare le manette ai polsi di un ragazzo romano di 29 anni, con precedenti. Il giovane è stato visto in via dell'Archeologia mentre consegnava un pacchetto: l'involucro è stato frettolosamente nascosto in un anfratto di un muro di un condominio. Il 29enne è stato immediatamente bloccato mentre il socio è riuscito a fuggire e a far perdere momentaneamente le sue tracce. Nella busta recuperata dai Carabinieri, sono state trovate 39 dosi singole di cocaina pronte per essere smerciate alla clientela. 
Poco dopo, in via dei Cochi, i Carabinieri hanno arrestato un romano di 33 anni, pregiudicato, sorpreso a cedere delle dosi di cocaina a due ragazzi. Quando i militari lo hanno fermato, il pusher è stato trovato in possesso di un'altra decina di dosi di polvere bianca e di 220 euro ritenuti provento della sua attività illecita. 
Altri due arresti sono stati eseguiti dai Carabinieri della Stazione Roma viale Libia in via Nomentana. A finire in manette, in questo caso, una donna originaria dell'Ucraina di 30 anni e un cittadino afghano di 33 anni, entrambi con precedenti, che dovranno rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e ricettazione. I due sono stati controllati mentre stavano viaggiando a bordo di un'auto su cui erano state apposte delle targhe risultate provento di furto. Durante il controllo, inoltre, i Carabinieri li hanno trovati in possesso di dosi di shaboo e di hashish, un bilancino e 1.050 euro in contanti, provento della loro attività illecita. Le targhe sono state già restituite al legittimo proprietario che ne aveva denunciato il furto mentre sono in corso ulteriori accertamenti sul veicolo su cui stavano viaggiando.