quotidiano nazionale
13 apr 2022

Roma, alunna di 16 anni denuncia molestie dal bidello: sit-in degli studenti

La studentessa di un istituto professionale sarà ascoltata dalla polizia. I compagni hanno chiesto e ottenuto un'assemblea generale della scuola per far luce sulla vicenda

13 apr 2022
Sit-in degli studenti davanti l'istituto professione
Sit-in degli studenti davanti l'istituto professione
Sit-in degli studenti davanti l'istituto professione
Sit-in degli studenti davanti l'istituto professione

Roma, 13 aprile 2022 - Sarà ascoltata dalla polizia la 16enne, studentessa di un istituto professionale di Roma, che ha denunciato di essere stata molestata da un bidello. Per solidarietà alla ragazza gli studenti dell'istituto questa mattina alle 8 hanno fatto un sit-in davanti alla scuola. La polizia era stata contattata ieri per l'accaduto dalla preside della scuola superiore frequentata dalla sedicenne. La notizia è riportata oggi dal Corriere dlla Sera. 

Sit-in degli studenti 

Gli studenti con un sit-in hanno chiesto e ottenuto un'assemblea generale per far luce sulla situazione e "sulla presenza di eventuali altri casi di molestie mai emerse".  "Si tratta di un qualcosa di inaccettabile! Se la scuola è il posto dove noi dovremmo essere sicuri ma non siamo sicuri neanche qua dentro qualcosa dobbiamo fare!", dichiarano gli studenti del collettivo studentesco Brancaleone. "Noi studenti siamo le prime persone a viverci la scuola e quindi noi per primi a scuola dovremo essere tutelati in tutto e per tutto. Ma così non è e quindi protesteremo fino a che non avremo risposte", concludono gli studenti.

La posizione della scuola

La scuola intanto ha pubblicato una nota di commento sulla faccenda sulla sua pagina Facebook precisando che "l'azione dell'Istituto è sempre stata, ed è, quella di prevenire qualsivoglia episodio di discriminazione e di violenza, sia fisica che verbale". L'Istituto, che ha presentato un esposto alla polizia, inoltre annuncia "una azione interna per l'accertamento dei fatti e di eventuali responsabilità personali".  
 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?