Roma, 26 ottobre 2021 - Consegnati 9 nuovi alloggi popolari nel quartiere Corviale a Roma.
Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, insieme all'assessore regionale alle Politiche abitative, Massimiliano Valeriani e al direttore generale di Ater Roma, Andrea Napoletano, ha consegnato alle famiglie assegnatarie le chiavi di 9 nuovi alloggi nel complesso di Corviale. 
Roma, blitz a Tor Bella Monaca, controlli sugli allacci abusivi: 30 persone denunciate
Dopo gli appartamenti già consegnati nei mesi scorsi, si tratta di una nuova tranche di immobili ricostruiti con il progetto di riqualificazione del quarto piano del 'Serpentone': ad oggi sono 38 i nuovi alloggi assegnati e si prevede di arrivare a 50 entro l'anno. 
Nel programma di rigenerazione urbana di Corviale, il più grande mai realizzato a Roma, la Regione ha investito oltre 20 milioni di euro, che hanno permesso all'Ater di bandire due grandi progetti per ristrutturare il quarto piano e riqualificare il piano terra del complesso di edilizia residenziale pubblica. 
Roma, blitz nelle case occupate dai clan a Tor Bella Monaca
In particolare - come ricordato oggi - con 10,5 milioni di euro si stanno demolendo i manufatti abusivi al quarto piano frutto delle occupazioni degli anni `80 per realizzarvi 103 nuovi appartamenti e trasformarlo nel "chilometro verde" che ormai sta visivamente prendendo forma. Per consentire questi lavori è stato concordato un piano di turnazione dei residenti, che vengono gradualmente trasferiti in altri alloggi Ater fino al completamento degli interventi. I cantieri dureranno 4 anni invece dei 5 inizialmente indicati. 
Roma, sgomberato palazzo di via Caravaggio: 400 persone abusive da anni
É stato poi effettuato un sopralluogo al cantiere del nuovo campo a 11 dei Calciosociale, un progetto cofinanziato dalla Regione Lazio che comprende anche la realizzazione da parte di Ater di nuovo playground per bambini, un'area fitness e un bosco urbano. 
Zingaretti ha infine visitato i locali delle autorimesse di Corviale, di cui molte rese inagibili e pericolose per decenni poiché diventate, oltre che luogo di traffici illeciti, deposito di auto e moto rubate e che Ater ha bonificato e messo in sicurezza.